Criminali!

Se volete parlare seriamente di qualcosa che non è presente in nessuna delle altre aree e/o volete dare un annuncio generale a tutti per una cosa importante, questa è l'area appropriata.

Moderatori: liberliber, -gioRgio-, vanya

Rispondi
Avatar utente
Churra
Re del Mare
Messaggi: 1615
Iscritto il: mar ott 22, 2002 1:13 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da Churra »

Beh che dire, tu sei proprio l'esempio perfetto di quello che dicevo: ossia una bibliotecaria come si deve che usa il buonsenso (e non la censura) :)
"Twenty years from now you will be more disappointed by the things you didn't do than by the ones you did. So throw off the bowlines... Explore. Dream". Mark Twain
http://supermaison.clarence.com

gaspara
Uncino
Messaggi: 105
Iscritto il: sab mag 03, 2003 3:14 pm

Messaggio da gaspara »

modestamente, mi hanno educato bene :oops:

(questo e' per i miei colleghi che ci leggeranno da lunedi') :evil:

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da JesterG60 »

Comportamento ineccepibile e soprattutto "sensato". :D

ciao
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

Avatar utente
vanya
moderatrice
Messaggi: 3823
Iscritto il: sab mar 15, 2003 8:58 pm
Località: Cerro Maggiore
Contatta:

Messaggio da vanya »

vi ho letto tutti con interesse, e penso che nessuna delle opinione espresse (proprio perchè quest'argomento è così soggettivo) sia contestabile, volevo però dare il mio parere di precoce lettrice (aimè ormai trentaquattrenne!). ho solo da ringraziare il cielo di avere avuto una bibliotecaria "distratta"! perchè altrimenti non avrei letto Cronaca di una morte annunciata di Marquez o La nausea di Sartre a 14 anni, e forse neanche la mia amatissima Karen Blixen! per non parlare degli indifferenti di Moravia. secondo me non c'è un'età "giusta" per iniziare a leggere certi libri ( come invece penso debba esserci per altre cose),probabilmente se avessi continuato a leggere libri per ragazzi a quell'età non sarei diventata in seguito una lettrice così avida. a proposito di De Sade, ho letto Justine a 15 anni e si, mi sconvolse ( ero su un autobus e dovetti scendere per il forte senso di nausea), ma non ne ho riportato alcun danno (spero). a questo punto so di contraddirmi, ma effettivamente non credo che lo darei in mano amia figlia quattordicenne!
ribadisco che ho solo espresso il mio punto di vista assolutamente SOGGETTIVO!
CIAO
Cosa leggerai?
Con che libro affascini il tuo cuore?
E se ti perderai nel labirinto di un amaro autore?
P.C.

Immagine

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da JesterG60 »

Sicuramente anche scegliere "quali libri si e quali no" non è facile e come dici giustamente soggettivo: però è il genitore che deve deciderlo (almeno fino a una certa età, diciamo 14/15) non la biblotecaria.

"La nausea" e "Scopami" mi sembrano un "filino" diversi. :D

ciao
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

Avatar utente
vanya
moderatrice
Messaggi: 3823
Iscritto il: sab mar 15, 2003 8:58 pm
Località: Cerro Maggiore
Contatta:

Messaggio da vanya »

per carità, non volevo fare alcun parallelo! intendevo solo parlare di libri "da grandi",! anche se dal contenuto e dal valore ben diverso
Cosa leggerai?
Con che libro affascini il tuo cuore?
E se ti perderai nel labirinto di un amaro autore?
P.C.

Immagine

propizia
Uncino
Messaggi: 109
Iscritto il: mar mag 06, 2003 5:28 pm
Località: milano

Messaggio da propizia »

jarod60 ha scritto:Sicuramente anche scegliere "quali libri si e quali no" non è facile e come dici giustamente soggettivo: però è il genitore che deve deciderlo (almeno fino a una certa età, diciamo 14/15) non la biblotecaria.


Se vivessimo in un mondo perfetto qs sarebbe sicuramente vero.
Nel nostro mondo reale, quanti genitori conoscete (a parte i bookcorsari genitori...) che non dico aiutino i figli a scegliere i libri, ma che per lo meno siano a conoscenza delle letture dei figli?

Caso (limite) personale: io ho scoperto che mi piaceva leggere intorno ai 5-6 anni, dopo di che il mio percorso è stato totalmente autodidatta, fino ad arrivare ai 14 anni quando sono diventata bibliotecaria volontaria del mio paesello (la biblioteca era sempre chiusa e quando sono andata in comune a chiedere spiegazioni mi è stato detto che non c'era il bibliotecario. Mi sono offerta come volontaria...e mi hanno dato le chaivi).

A qs punto, con un'intera biblioteca a mia disposizione, ho potuto leggere tutto quello che mi ispirava, senza che i miei genitori operassero il minimo controllo, anche perchè entrambi hanno dovuto lasciare la scuola molto presto e probabilmente non ne sarebbero stati nemmeno in grado.
Qs ha significato per me un'adolescenza a base di classici russi ed europei (con qualche incursione nell'opera di Liala, lo confesso, ma solo per documentarmi...) anche perchè alla base c'era l'influsso dell'educazione combinata scuola/famiglia (all'epoca ottima), ma capisco che se la stessa situazione si dovesse riproporre ora l'esito potrebbe essere diverso.

Quanto scritto da Gaspara mi sembra riassumere quello che ogni bravo bibliotecario dovrebbe fare.

Ciao!

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da JesterG60 »

Jarod60??????a meno che non abbia comprato una G60 senza dirmelo...:evil:

...hai fatto un bel cocktail :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted:

non osare mai +!:D :D :D :D

Ahimé adatti o meno la responsabilità è sempre dei genitori.
Badate che con questo non intendo difendere/giustificare chi cresce i propri figli con il paraocchi ma semplicemente puntualizzare il suo diritto/dovere a farlo.
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

propizia
Uncino
Messaggi: 109
Iscritto il: mar mag 06, 2003 5:28 pm
Località: milano

Messaggio da propizia »

Perdono!! :cry: :cry:

Con questo nuovo modo di fare i quote faccio un po' casino....e comunque Jarod era un bel telefilm, non dovresti offenderti....

Responsabilità dei genitori? Certo, ma purtroppo nella realtà.......e penso che tu sappia meglio di me che per certi genitori i libri sono solo una perdita di tempo, per cui ben venga l'iniziativa personale dei figli.

Avatar utente
cuore-vivo
Corsaro
Messaggi: 489
Iscritto il: mer mar 05, 2003 12:41 pm
Località: Roma
Contatta:

Nuovo regolamento per le biblioteche sensate

Messaggio da cuore-vivo »

Sicuramente anche scegliere "quali libri si e quali no" non è facile e come dici giustamente soggettivo: però è il genitore che deve deciderlo (almeno fino a una certa età, diciamo 14/15) non la biblotecaria.

Jester,
quindi, a rigor di logica, ogni dirigente di ogni biblioteca che sia minimamente dotato-a di buon senso dovrebbe far adottare dalla biblioteca da lui-lei diretta un regolamento che possa esigere di richiedere il benestare di almeno un genitore per quei libri "sospetti" (a sindacabile giudizio individuale) richiesti da un minore degli anni 18?
"Only librarians like to search. Everyone else like to find" (R. Tennant)
"All is good" (Kelly)
"Qualunque cosa accada, ogni fine è anche un inizio" (?)
"Per far rivivere il pensiero di un uomo ricostruisci la sua biblioteca" 
(M. Yourcenar)

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da JesterG60 »

Mi sembra che la soluzione già adottata dalla biblioteca di Gaspara e il m.o. di Gaspara stessa siano una garanzia più che sufficiente per qualunque genitore.

Naturalmente sei liberissimo di mandare i tuoi figli nella "biblioteca-prendi-pure-tutto-quello-che-trovi".

ciao
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

Avatar utente
kassandra
Pirata
Messaggi: 187
Iscritto il: mar dic 03, 2002 1:08 pm
Località: bologna

Messaggio da kassandra »

condivido totalmente il parere di vanya, che non quoto perché dovrei quotarlo tutto (e già so che dovrei subire punizioni inenarrabili :roll: ). Sono stata anch'io una lettrice precoce e onnivora e senza nessun controllo genitoriale, dato che per i miei ahimè (anzi ahiloro) i libri erano oggetti pressoché invisibili.

E questo non vale solo per le letture: quante cose abbiamo fatto da adolescenti che i nostri genitori mai avrebbero approvato (e che probabilmente neppure noi approveremmo per i nostri figli!) e che pure sono state determinanti per la nostra formazione?
Secondo me una cosa sono i bambini e una gli adolescenti: un dodicenne non è la stessa cosa di un quattordicenne! E qualcosa di 'vietato' è indispensabile nella crescita di un adolescente...

e poi, riguardo al dovere/diritto dei genitori di guidare le letture dei figli: se si vuole avere il controllo TOTALE di quello che legge e quello che guarda un adolescente (cosa che secondo me NON è bella nè consigliabile) allora in biblioteca si va con lui, gli si domanda che libro sta leggendo, non lo si lascia solo con il telecomando in mano etc. etc. etc.
Ma non è meglio cercare di educarlo a interpretare, filtrare, comprendere quello che legge, di qualsiasi cosa si tratti, e incoraggiarlo a parlarne con noi? non è meno velleitario (impossibile controllare tutto!) e più formativo?
kassandra
-----------------------------------------
ci siamo seduti dalla parte del torto, dato che tutti gli altri posti erano occupati (B. Brecht)

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

devo rimanere nelle nove righe

Messaggio da JesterG60 »

allora in biblioteca si va con lui


o lo si manda nella biblioteca dove lavora Gaspara :D

non è meglio cercare di educarlo a interpretare, filtrare, comprendere quello che legge, di qualsiasi cosa si tratti, e incoraggiarlo a parlarne con noi?


è questo il punto! Come fai a parlarne se non sai nemmeno cosa prende in biblioteca?

un'altra cosa giustissima: educarlo a interpretare quello che legge: facendogli prendere ciò che vuole? ( astento ma sono stato in 9 righe).
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

propizia
Uncino
Messaggi: 109
Iscritto il: mar mag 06, 2003 5:28 pm
Località: milano

Messaggio da propizia »

Jester ha scritto:un'altra cosa giustissima: educarlo a interpretare quello che legge: facendogli prendere ciò che vuole?


Perchè no, se poi ne parli con lui "educandolo"?

P.S. Ma qualcuno l'ha poi letto qs "Scopami", che ci sappia dire cosa mai c'era dentro?!!

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da JesterG60 »

le 9 righe mi fregano:

Perchè no, se poi ne parli con lui "educandolo"?


intendevo sempre senza saperlo. :wink:

"la mano è fatta apposta per tre cose: la bottiglia, la pistola e il cazzo"
Per la serie capolavori immortali...
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

propizia
Uncino
Messaggi: 109
Iscritto il: mar mag 06, 2003 5:28 pm
Località: milano

Messaggio da propizia »

Ammutolisco di fronte a simili perle di saggezza :o :o

(ma questo postulato è indirizzato ad entrambi i sessi...??, no perchè io sono astemia, le pistole le aborrrrro .....)

Si fa per sdrammatizzare neh!

Avatar utente
cuore-vivo
Corsaro
Messaggi: 489
Iscritto il: mer mar 05, 2003 12:41 pm
Località: Roma
Contatta:

Regolamenti necessari

Messaggio da cuore-vivo »

Mi sembra che la soluzione già adottata dalla biblioteca di Gaspara e il m.o. di Gaspara stessa siano una garanzia più che sufficiente per qualunque genitore.

Jester,
meno male che "qualunque genitore" riesce a contenere così tante tipologie di genitori. :shock:
La tua risposta vaga non ha previsto il rigore dei regolamenti: è con questi, purtroppo, che anche la più solerte delle bibliotecarie dovrà fare i conti. Non fosse altro che per le proteste del genitore che educò il figlio minore alla auto-responsabilità e che farà valere proprio il regolamento della biblioteca di fronte al rifiuto.

Io sono d'accordo con Kassandra. Brava. :D
"Only librarians like to search. Everyone else like to find" (R. Tennant)
"All is good" (Kelly)
"Qualunque cosa accada, ogni fine è anche un inizio" (?)
"Per far rivivere il pensiero di un uomo ricostruisci la sua biblioteca" 
(M. Yourcenar)

Avatar utente
vesna
Olandese Volante
Messaggi: 3450
Iscritto il: mer dic 04, 2002 11:59 pm
Località: torino
Contatta:

mmmmmmm

Messaggio da vesna »

non vuole essere una provocazione ma io a 11 anni ho letto Il signore delle mosche che ovviamente non era nella biblioteca dei piccoli (che in croazia ce ancora-distinzione tra scafali under 14 e quella dei grandi) e ne sono felice perche è un libro che segna al punto giusto
ovviamente lho letto anche dopo (4/5 volte) ma quella prima volta è stata la piu importante

Avatar utente
JesterG60
Spugna
Messaggi: 32
Iscritto il: ven mag 09, 2003 4:33 pm
Località: Melzo
Contatta:

Messaggio da JesterG60 »

Non fosse altro che per le proteste del genitore che educò il figlio minore alla auto-responsabilità e che farà valere proprio il regolamento della biblioteca di fronte al rifiuto.


? scusa non ho capito.
JesterG60

"la disciplina è il sole degli eserciti"

Avatar utente
cuore-vivo
Corsaro
Messaggi: 489
Iscritto il: mer mar 05, 2003 12:41 pm
Località: Roma
Contatta:

Responsabilità individuale

Messaggio da cuore-vivo »

Jester,
l'auto-responsabilità, oppure la responsabilità individuale per le proprie azioni, consci o meno delle conseguenze delle azioni proprie di ognuno. Questa educazione è la migliore, a mio parere, che un buon genitore possa mostrare con il suo buon esempio ad un figlio. Responsabilità e autostima. C'è di meglio?

Il rifiuto della bibliotecaria che di fronte ad un libro "dubbio" negò il prestito al ragazzo. Se non c'era un regolamento a prevederlo, perchè rifiutarsi di concedere il prestito?
Ciao.
"Only librarians like to search. Everyone else like to find" (R. Tennant)
"All is good" (Kelly)
"Qualunque cosa accada, ogni fine è anche un inizio" (?)
"Per far rivivere il pensiero di un uomo ricostruisci la sua biblioteca" 
(M. Yourcenar)

Rispondi