La profezia della curandera - H. H. Mamani

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2300
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

La profezia della curandera - H. H. Mamani

Messaggio da Gahan »

Kantu, la protagonista di questa storia, è una giovane, bella e piena d'interessi che vive a Cuzco, in Perù. dove trascorre la sua vita con serenità e spensieratezza, fino a quando un evento imprevisto stravolge la sua vita.
Da quel momento inizia a frequentare un curandero (l'equivalente sudamericano di uno sciamano), una persona capace non solo di guarire le malattie fisiche, ma anche spirituali e che spesso si ritiene sia anche dotato di poteri magici e soprannaturali.

Il libro mi è piaciuto sì e no. La parte relativa al percorso spirituale della protagonista è molto interessante, non mi è piaciuto il fatto che lei scelga di fare questo percorso per conquistarsi l'amore di un uomo.
La mia idea è che un percorso spirituale dovrebbe essere qualcosa che uno fa per sé, il resto viene di conseguenza.

Anche lo stile lascia piuttosto a desiderare, ho fatto fatica a entrare nella storia e ci ho messo un sacco di tempo a finirlo, inframmezzandolo ad altre letture.

Avatar utente
Therese
moderatrice
Messaggi: 5741
Iscritto il: mer feb 05, 2003 8:33 pm
Località: Perugia
Contatta:

Re: La profezia della curandera - H. H. Mamani

Messaggio da Therese »

Inizialmente il libro mi ha molto presa, ha destato in me grande curiosità per le modalità di vita delle popolazioni andine, per i rapporti discriminatori tra indios e bianchi (le indie non sono considerate "da matrimonio"), per i riferimenti alla preparazione dei cibi, poi è diventato abbastanza ripetitivo, Kantu che non riesce a liberarsi dall'ossessione(secondo lei amore) per l'uomo che l'ha lasciata ed il percorso di iniziazione come Curandera mi hanno annoiata, sarà che i percorsi "spirituali" non sono molto di mio interesse, ma ho faticato a terminare la lettura.
-...è solo che non ho tempo per leggere.
- Mi dispiace per te.
- Oh, non direi.Ci sono tanti altri modi per passare il tempo.
Giulio vorrebbe replicare che leggere non è "passare il tempo"...
(T. Avoledo)

cinefila integralista

Non inviatemi ring senza avvertire, grazie ^_^

Rispondi