Il migliore amico dell'orso - A. Paasilinna

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
ciucchino
Olandese Volante
Messaggi: 3660
Iscritto il: ven mar 14, 2003 9:00 pm
Località: Torino
Contatta:

Il migliore amico dell'orso - A. Paasilinna

Messaggio da ciucchino »

Al pastore Huuskonen nel giorno del 50esimo compleanno i suoi parrocchiani decidono di regalare un cucciolo di orso. Non possono immaginare che cosa scatenerà il loro regalo: il loro pastore in piena crisi di mezza d’età con la moglie e con la fede inizia un lungo viaggio con il suo “animaletto” che lo porterà ad attraversare l’Europa e a vivere avventure picaresche raccontate in modo molto ironico e divertente.
Paasilinna, in splendida forma, affronta il tema della fuga come mezzo per sfuggire alle proprie insoddisfazioni e frustrazioni: il pastore inizia a dubitare della propria fede e dopo gli scontri con il suo vescovo (l’articolo su “Gesù militante” è fantastico e merita comprarsi il libro solo per leggere quelle 4 pagine!) inizia ad entrare in profonda crisi religiosa fino a giungere alla conclusione che Dio non esiste. L’attaccamento all’animale è sempre più profondo e assistiamo alla trasformazione di un animale selvatico in un animale domestico perfettamente addestrato: l’orso porta i bagagli, sistema le valigie, stira con discreta abilità, fa il barman e prega! E’ come un Sacho Panza che accompagna il suo don Chisciotte dal gelido Nord russo fino ai caldi mari del mediterraneo con il suo istinto animale sempre più controllato da una perfetta educazione e istruzione.
Nel libro, quindi, ritroviamo i temi cari a Paasilina: un protagonista più che eccentrico che ricerca nell’etere i messaggi degli extraterrestre, personaggi di contorno più che pittoreschi (in particolare il finlandese che cerca disperatamente di vendere saune a Malta), la natura come rifugio da una società soffocante (e il letargo nella tana dell’orso sembra quasi una panacea per sopravvivere nei freddi e desolati mesi invernali), l’animale come unico essere libero così istintuale anche dopo l’addestramento.
Grazie a una scrittura più che scorrevole, viaggiamo anche noi con l’orsetto e tifiamo per lui e per il suo padrone provando inevitabilmente un po’ di invidia per la loro libertà e per la loro capacità di adattamento ad ogni clima e ogni situazione.
Insomma: divertente, ironico, imprevedibile… assolutamente da leggere!
"I libri li rubavo. I libri non dovrebbero costare nulla, pensavo allora e penso ancora oggi".
(Pascal Mercier, "Treno di notte per Lisbona)

Immagine Immagine

Avatar utente
maddap
Corsaro Nero
Messaggi: 1267
Iscritto il: gio giu 22, 2006 12:05 pm
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da maddap »

Ring? Non resisto agli orsi di Paasilinna.....

Avatar utente
ciucchino
Olandese Volante
Messaggi: 3660
Iscritto il: ven mar 14, 2003 9:00 pm
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da ciucchino »

mi piacerebbe ma il libro non è mio :? :(
"I libri li rubavo. I libri non dovrebbero costare nulla, pensavo allora e penso ancora oggi".
(Pascal Mercier, "Treno di notte per Lisbona)

Immagine Immagine

Avatar utente
saturn111
Corsaro Nero
Messaggi: 893
Iscritto il: sab dic 20, 2014 5:22 pm

Re: Il migliore amico dell'orso - A. Paasilinna

Messaggio da saturn111 »

È il primo libro di Paasilinna che leggo e devo dire che è stata una scoperta piacevolissima. Conoscevo già il peculiare umorismo finlandese grazie ai film di Kaurismaki, ma leggerlo in questo libro è stato uno spasso. La lettura è stata molto scorrevole anche perché non riuscivo a staccarmi dal testo! È stato un libro molto coinvolgente che attraverso la figura metà selvaggia e metà addomesticata dell'orso svela tutti i nostri punti deboli. L'orso è un po' il nostro alter ego. Appare buffo in certi comportamenti, quando si comporta da bravo cristiano educato è dolce e ammansito, ma quando scatena la sua rabbia e mostra la sua vera natura, il cambiamento è sconvolgente. Il protagonista Oskari quando non riesce a stare nelle righe che la società gli impone va in sofferenza e in crisi. E annega questo senso di smarrimento nell'alcool. La natura aiuta il protagonista a riconciliarsi con sé stesso guidandolo in un viaggio spirituale oltre che fisico. Il percorso incredibile che fanno attraverso l'Europa sul mare, dal nord Europa fino al Mediterraneo passando per il Mar Nero, fa venire voglia di mettersi in marcia, subito, alla ricerca di sé stessi e di messaggi dal cosmo.
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni

Rispondi