"Caos calmo" - Sandro Veronesi

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Towandaaa
Olandese Volante
Messaggi: 9281
Iscritto il: mer nov 15, 2006 2:44 pm
Località: Peccioli (Pisa)

"Caos calmo" - Sandro Veronesi

Messaggio da Towandaaa »

Mi sembra davvero strano che questo libro non compaia nell'elenco alfabetico delle recensioni: so che è uno di quelli su cui gli schieramenti tra chi lo ha gradito e chi lo ha demolito sono molto netti, e pensavo che anche la comunità bookcorsara si fosse già espressa....

Allora inizio io: a me è piaciuto molto e questa è la J.E. che ho scritto dopo averlo letto grazie al ring di devonpennyblack :wink:

Se è vero, come sono convinta, che non esiste un modo univoco (né tanto meno giusto o sbagliato a priori) di vivere ed elaborare un lutto, il racconto che Veronesi ci offre è allora del tutto immune dal giudizio di verisimiglianza a questo riguardo. Semmai potranno apparire poco credibili alcune figure di contorno, ma può anche darsi che questa impressione derivi solo dalla percezione che di esse ha il protagonista-narratore, perché suoi sono gli occhi attraverso i quali le vediamo, e il turbamento in cui si trova a vivere può anche giustificare la loro distorsione. Per quanto riguarda invece Pietro, non ho trovato affatto artificiali o artificiosi il meravigliarsi di non soffrire, il farsi involontariamente catalizzatore dei dolori, preoccupazioni e miserie altrui, il ripetere comportamenti adottati un giorno spontaneamente e d’impulso nella speranza che continuino a difenderlo dall’arrivo della “botta” del dolore: sono tutti atteggiamenti che ben si inscrivono in uno stato d’animo di “sospensione” (sia della vita che del giudizio) attraverso la quale il protagonista arriva ad un nuovo punto di equilibrio che passa anche attraverso il confronto con gli stati d’animo e il modo di essere degli altri. La lentezza e la prolissità di alcuni episodi, il frequente ricorso al flash back, le lunghe pagine espresse con la tecnica del flusso di coscienza sono, a mio avviso, non punti deboli o difetti di questo romanzo, ma al contrario, quanto di meglio possa esprimere lo stato emotivo del protagonista, proteso a costruirsi (per poi rinchiudervisi) un “bolla” che lo protegga e lo traghetti verso una nuova consapevolezza, di sé e degli altri, faticosamente raggiungibile ma comunque possibile. Quello a cui assistiamo è un cammino volto a circoscrivere la propria esistenza in un ambito fisicamente molto ristretto, ma lasciando spaziare la propria mente in un viaggio che abbraccia i rapporti interpersonali, le ambizioni, i valori, le meschinità propri e altrui.
Allo stesso modo, anche i frequenti cambi di tono (amarezza, dubbio, ironia, preoccupazione, disinteresse per questioni importanti e interesse per dettagli di scarso rilievo) possono inscriversi nel complessivo stato di confusione emotiva del protagonista, in quel disordine su cui solo sporadicamente tenta di riprendere il controllo, e farsi emblematici di quanto possa essere difficile misurare il proprio comportamento in una circostanza in cui gli altri (ma anche, e in primo luogo, lui stesso) si aspetterebbero l’adozione di altri tipi di condotta.
E a ben guardare poi, tutto questo non potrebbe essere già di per sé non quella assenza del dolore di cui il protagonista si meraviglia, ma semplicemente il modo in cui in questo caso la sofferenza si è manifestata nell’intimo di Pietro Paladini ?
Un romanzo pieno di contrasti, che mantiene quello che l’ossimoro del titolo aveva promesso e premesso; ricco di introspezione più che di avvenimenti. Ma a chi, come me, non cerca in una lettura per definirla gratificante esclusivamente il ritmo serrato, la dinamicità della trama, il concatenarsi di vicende e colpi di scena, questo libro ha molto da offrire.
Sia in termini di riflessioni: la commistione di forza e debolezza nella natura umana, la meraviglia di quanto si può scoprire degli altri ma anche di noi stessi se solo ci fermiamo ad osservare con occhi nuovi (ossia estraniandosi e mettendo da parte le preoccupazioni e i pensieri che costantemente ci accompagnano nelle nostre vite frenetiche) la quotidianità che si manifesta attorno a noi, la possibilità di riscattarsi anche d’impulso, con un guizzo estemporaneo, da quella fragilità che di volta in volta assume le vesti di opportunismo, calcolo, egoismo, disinteresse.
Sia in termini di linguaggio e di tono: calibrati attorno ai diversi stati emotivi che, senza cadere nel retorico, nel patetico o nel melodrammatico (rischi che il tema del romanzo rendeva certo non improbabili), descrivono un coacervo di sentimenti e stati d’animo che si snodano e si sviluppano sotto gli occhi del lettore grazie ad un uso appropriato di descrizioni, dialoghi, frasi anche interrotte ma di cui si percepisce ugualmente il senso. Si incontrano, è vero, anche parole volgari, ma trovo che abbiano una loro ragion d’essere proprio in quanto esprimono pensieri che si srotolano in libertà, senza condizionamenti, filtri, censure, e quindi appropriati al contesto da cui questi passi scaturiscono. Diverso invece è il mio parere riguardo al capitolo dedicato all’amplesso tra il protagonista e la donna da lui salvata: sinceramente mi è sembrato rappresentare una cosiddetta caduta di stile, perché vi ho visto un indugiare anche un po’ compiaciuto su dettagli che potevano benissimo essere lasciati semplicemente intendere: glissare e sorvolare un po’ non avrebbe mutato niente nell’economia della storia o dell’episodio stesso, che avrebbe mantenuto comunque tutta la sua crudezza. Ciò non sminuisce, comunque, la mia opinione più che positiva su questo romanzo, nel quale ho ritrovato con piacere toni e temi che già mi avevano tanto colpita leggendo “La forza del passato”
Una nota a parte merita il finale, che mi ha emozionata molto:
Here be spoilers
un po’ precipitoso, forse, ma proprio come spesso possono essere le “illuminazioni” da cui si rimane folgorati pur avendo girato attorno ad esse a lungo; certo emotivamente molto coinvolgente, con quella presa di coscienza espressa nella forma di una ideale conversazione telefonica in cui tutti i personaggi del romanzo si susseguono nel ruolo di interlocutori muti rispetto a questo padre che così tanto e in un solo istante ha capito grazie a sua figlia, e che tenta in questo modo di fare chiarezza almeno con se stesso sui rapporti più o meno importanti con le persone che hanno avuto un ruolo nella sua storia. E con quel concludersi lasciando alla fantasia e alla sensibilità del lettore il compito di immaginare quanto Pietro avrebbe potuto dire a Lara. Bellissimo.
La mia libreria - Lista dei desideri - Towandaaa su aNobii

"Una storia che non conosci
non è mai di seconda mano
è come un viaggio improvvisato
a chilometraggio illimitato"
S. Bersani, Pacifico, F. Guccini - Le storie che non conosci (Io leggo perchè - 23 aprile 2015)

Avatar utente
MartinaViola
Olandese Volante
Messaggi: 3294
Iscritto il: lun mar 16, 2009 4:34 pm
Località: Latina

Re: "Caos calmo" - Sandro Veronesi

Messaggio da MartinaViola »

428.000 risultati su Google
Un libro di cui si è parlato molto, anzi no: si è parlato molto della scena in cui Nanni Moretti sodomizza la Ferrari nell'omonimo film, ma Caos calmo è molto di più.

È la storia di un dolore che fatica ad affiorare: un dolore che non riesce a farsi strada verso la superficie e resta lì, sepolto in qualche angolo buio.
È la storia di una vita salvata mentre un'altra andava persa per sempre.
È la storia in cui ogni personaggio sa esattamente dove andare per scaricarsi di dosso la propria solitudine: ognuno, perso nei suoi drammi personali, rovescia il suo dolore nella stessa pozza, solo apparentemente asciutta.
È la storia in cui è indispensabile toccare il fondo per darsi la spinta necessaria a tornare su e respirare ancora.

Alcune pagine sono macchinose, altre noiose e i personaggi non fanno certo simpatia, ma la definizione del "caos calmo" attraverso cui ogni bambino guarda al mondo è davvero toccante: un misto di gioia e spensieratezza lontano dalle preoccupazioni dei grandi, una bolla protettiva da cui ognuno di loro decide di uscire solo per tendere una mano ad un adulto in difficoltà.



il mio voto resta comunque un 7/10 perchè certe pagine potevano anche essere tagliate. 8)
se vi va, date un'occhiata al mio blog:
Un ombretto al giorno

I mie scaffali su aNobii
La mia Wishlist

Se qualche ringmaster vuole che il suo ring prosegua, basta contattarmi!

Immagine

Avatar utente
ciucchino
Olandese Volante
Messaggi: 3660
Iscritto il: ven mar 14, 2003 9:00 pm
Località: Torino
Contatta:

Re: "Caos calmo" - Sandro Veronesi

Messaggio da ciucchino »

Un buon inizio, un prosieguo davvero notevole (l’immagine di questo padre che aspetta tutti i giorni davanti alla scuola la figlia dopo la perdita improvvisa della madre è davvero molto potente ed evocativa, così come il ruolo quasi di confessore che assume con colleghi e amici che vengono nella sua macchina per condividere il proprio disagio e non per consolare un vedovo) ma poi la storia perde di mordente, soprattutto alla fine
Here be spoilers
con l’arrivo dei super manager.
Nonostante lo stiracchiamento finale della storia, un bel libro scritto molto bene.
"I libri li rubavo. I libri non dovrebbero costare nulla, pensavo allora e penso ancora oggi".
(Pascal Mercier, "Treno di notte per Lisbona)

Immagine Immagine

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2372
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: "Caos calmo" - Sandro Veronesi

Messaggio da Gahan »

Ho terminato ieri sera la lettura di questo libro e anche a me è piaciuto molto.

Devo ammettere che questo modo di raccontare, tipo fiume in piena, non sempre fa presa su di me, invece con questo libro sono stata coinvolta subito dalla storia e l'ho letto tutto d'un fiato: la prima metà in un solo giorno, il resto le 5 sere successive (per mancanza di tempo libero).
A mio parere ci stava tutto (l'episodio di sesso selvaggio e animalesco, descritta in termini molto crudi e volgari, il finale affrettato,...) l'unica cosa che mi è sembrata davvero una forzatura è stata il voler a tutti i costi inserire il tema dell'olocausto attraverso il personaggio di Steiner. Con il resto del libro non c'entrava NULLA.

Rispondi