Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
ciucchino
Olandese Volante
Messaggi: 3660
Iscritto il: ven mar 14, 2003 9:00 pm
Località: Torino
Contatta:

Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da ciucchino »

Un romanzo onirico e sconcertante dove Murakami, come sempre, inserisce personaggi straordinari e indimenticabili. Su tutti, l’anziano Nakata con il suo linguaggio buffo e la cui mente è diventata una tabula rasa dopo uno strano incidente in montagna durante la seconda guerra mondiale quando era ancora un bambino. Si è risvegliato senza ricordare nulla e non è più riuscito a rimparare a leggere e scrivere. Si definisce sempre uno “stupido” ma la sua ingenuità è commovente così come la sua abilità a parlare con i gatti e con le pietre. E’ un vecchio bambino che si contrappone in modo speculare al quindicenne Tamura, così adulto nelle sue riflessioni e nel suo comportamento: scappa da casa per sfuggire alla maledizione edipica lanciatagli dal padre e nel sud del Giappone cerca rifugio in una biblioteca privata. Anche qui molti strani personaggi tra cui spicca Oshima, un ermafrodito colto e sfuggente.
Sono tantissime le descrizioni nello stile di Murakami, le citazioni letterarie e musicali, i personaggi strampalati che alla fine del libro ti sembra di conoscere da sempre e a cui ti sei affezionato.
Un libro sicuramente impegnativo perché bisogna abbandonare i nostri concetti di realtà e immergersi in quello che sembra un lungo sogno dove tutto diventa plausibile, anche una pioggia di sardine!
All’inizio il libro mi ha completamente coinvolta con l’alternarsi di capitoli raccontati in prima persona da Tamura con lo stile quindi del giovane adolescente che affronta la sua drammatica maledizione e il dramma della madre che l’ha abbandonato da bambino, poi lo stile surreale di Nakata con i suoi dialoghi con i gatti (quanto gli ho invidiato la sua capacità di dialogo con loro!) e con la tenerezza che suscita un anziano indifeso come un bambino, poi il racconto di cosa è successo su quella montagna durante la seconda guerra mondiale attraverso i resoconti freddi e burocrati dei militari americani.
Verso la fine, però, la lettura è diventata più faticosa perché la trama mi è sembrata un po’ troppo ingarbugliata e il racconto un po’ troppo “onirico” per i miei gusti, ma quando ho finito il libro ho pensato che avrei avuto nostalgia di Nakata e dei suoi surreali dialoghi.
Non è sicuramente il libro che preferisco di Murakami, ma è riuscito comunque ad incantarmi con i suoi personaggi e con la sua capacità di creare un mondo surreale dove le cose più assurde sembrano comunque plausibili.
"I libri li rubavo. I libri non dovrebbero costare nulla, pensavo allora e penso ancora oggi".
(Pascal Mercier, "Treno di notte per Lisbona)

Immagine Immagine

Avatar utente
etnagigante
moderatore
Messaggi: 3972
Iscritto il: mar nov 28, 2006 2:25 pm
Località: Catania
Contatta:

Re: Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da etnagigante »

Bello, bello.
L'ho letto in inglese tramite un ring di Banshee e devo dire che mi ha affascinato.
Il mio commento l'ho scritto qui: http://www.bookcrossing.com/journal/4656415
A valle, tra masse ebre, la nera, l'accesa d'ira Etna ti moveva; l'Etna gigante, lave vomitante. Arida secca l'arena, l'erbe essa martellava.

Avatar utente
2teepot
Olandese Volante
Messaggi: 2304
Iscritto il: gio feb 13, 2003 10:06 pm
Località: Flying TEEpot
Contatta:

Re: Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da 2teepot »

Penso che sia il libro che c’ho impiegato di più a leggere in vita mia. Va beh che sono circa 500 pagine ma è che proprio facevo fatica ad andare avanti con le righe tanto mi piaceva leggerle. Mi soffermavo, rimuginavo, spesso mi chiedevo “ma dove salta fuori questo Murakami ?” ( mai letto niente di lui prima, anzi evitavo i suoi libri , forse anche per via dei titoli bizzarri), e poi pensavo che, si, forse è la solita magia che ti permette certi inaspettati incontri in determinati momenti della vita di ognuno.

Che dire: che mi è piaciuto? Oltre, siamo oltre. Mi è sembrato di viverlo come reale.

Per libri del genere si potrebbe fare a meno dello spoiler, tanto anche se lo racconti tutto per filo e per segno non avverrà mai che il lettore lo capisca se non lo sentirà già suo. E’ una questione di sensibilità. La mia coincide con quella descritta da Haruki Murakami in questa bellissima opera.
Prosa in forma di poesia, fantasia che supera la realtà, il bene indistinto dal male, un giapponese che scrive come un taoista cinese e che aspira ad essere processato al posto di Kafka, lo scrittore europeo, nel teatrino mitologico di Holliwood, erotismo super letterario da urlo,e c’è persino la moda Emo !!, si può dire di tanto e di più su questo libro siderale e immenso, ma quel che più conta è che dopo la sua lettura niente sarà più come prima.

Almeno per me.


La mia ultima e definitiva postilla: come mai non è stato criticato o V.M.18 in Italia? In fin dei conti pone in evidenza lo stupro, la pedofilia e l’incesto come accadimenti passabili della vita comune. Senza contare gli scannamenti, ma quelli son già legalizzati da tempo, per ben di meno in passato si è fatto casino e quindi mi sarei aspettato che qualcuno si ergesse a difesa degli immaturi a cui verrebbe tra le mani il libro . Ma forse questo avrebbe solo allargato il suo bacino di lettori : meglio goderselo fra quei pochi che ne comprendono, o anche solo ne intuiscono, il vero senso.
Si abbraccia un'ombra e si ama un sogno. (Soderberg)
_____________________________________________

Avatar utente
tilly77
Olandese Volante
Messaggi: 3887
Iscritto il: mar mar 01, 2005 6:29 pm
Località: Cesena
Contatta:

Re: Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da tilly77 »

Abbiamo un nuovo estimatore dell'immenso Murakami, bene bene!! :yes!:

e ora corri a recuperare tutto il resto, mi raccomando!! :D

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da Gahan »

Quando alcuni anni fa lessi 1Q84, lessi anche un'intervista in cui Murakami parlava di quel libro dicendo che voleva "semplicemente raccontare una storia d'amore a lieto fine, tirandola un po' per le lunghe" (le parole non erano esattamente queste - anche perché l'intervista era in inglese - comunque il senso era questo).
In "Kafka sulla spiaggia" succede esattamente la stessa cosa. Questo è semplicemente un libro sulla difficoltà di diventare adulti, accettarsi e trovare la propria dimensione e la propria strada, però è raccontato "alla Murakami", ovvero attraversando dimensioni surreali, situazioni al limite dell'assurdo e incontrando personaggi speciali.
Trovo anche che questo libro sia un omaggio ai grandi della letteratura, della filosofia e della musica, visto il numero infinito di riferimenti, citazioni e rimandi.
A me è piaciuto molto, per me uno dei migliori di Murakami (e li ho letti quasi tutti).

Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5348
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Re: Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da lisolachenonce »

E' uno dei lbri di Murakami che ho apprezzato di più per l'inventiva e la forza narrativa di alcuni personaggi.
La dimensione onirica, tanto decantata da tutti, è forse l'aspetto che mi piace meno, quanto meno mi piacerebbe che ce ne fosse un po' meno
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING
Su anobii sono lisolachenoncè

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Kafka sulla spiaggia - H. Murakami

Messaggio da Gahan »

Ho riletto questo libro nelle ultime settimane perché l'ho proposto al mio gruppo di lettura.
Nonostante fossero passati solo due anni, ho fatto bene a rileggerlo perché avevo già perso un sacco di particolari.
Questa volta ho letto anche la parte in cui vengono descritte le torture dei gatti, che invece la prima volta avevo saltato a pie pari.

In questa seconda lettura ho apprezzato ancora di più la poesia di certi passaggi, come per esempio quando vengono descritti i sentimenti che agitano l'animo del protagonista, il rumore del vento, le stelle, la solennità degli alberi della foresta...
Mi sono anche fatta meno domande in merito a certi passaggi surreali e mi sono fatta completamente trasportare dal racconto.

Tuttavia questa volta ho fatto un po' fatica ad arrivare alla fine. Ho trovato pesante tutta la parte finale
Here be spoilers
successiva alla morte di Nakata.

Soprattutto la parte nella foresta mi ha annoiata a morte.
Ma forse è solo dipeso dal fatto che arrivavo già stanca dalla lettura precedente, e questo non si può certo definire un libro facile.
Forse avrei dovuto inframmezzare qualcosa, prendermi una pausa, ma non ne avevo il tempo.
Resta comunque uno dei miei preferiti di Murakami.

Rispondi