Natalia Ginzburg, Caro Michele

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Sonnenbarke
Corsaro Nero
Messaggi: 923
Iscritto il: dom gen 25, 2009 12:55 pm
Località: Pescara
Contatta:

Natalia Ginzburg, Caro Michele

Messaggio da Sonnenbarke »

È il primo libro che leggo della Ginzburg, è ovviamente scritto molto bene ma non mi ha convinto fino in fondo. Cioè, ne riconosco il valore artistico, ma semplicemente non mi è piaciuto.
È un romanzo epistolare per lo più, dove ci sono vari personaggi che scrivono a Michele, e alcune lettere di Michele stesso. Si compone così quello che è un vero e proprio lessico famigliare, con un'ottima alternanza di stili fra le varie persone.
Lode sempre alla Ginzburg, ma non è il mio stile.

Avatar utente
francesina
Olandese Volante
Messaggi: 2332
Iscritto il: gio apr 05, 2007 2:19 pm
Località: Padova

Re: Natalia Ginzburg, Caro Michele

Messaggio da francesina »

Io invece ho apprezzato questa lettura, malgrado tendenzialmente eviti i romanzi epistolari.
A me la Ginzburg piace molto e molto mi è piaciuta questa corrispondenza tra Michele, i suoi familiari, un suo amico e una sua "fiamma", una ragazza senza arte né parte utile al lettore per avere uno sguardo da "esterno" sulla madre e sulle sorelle di Michele.
Lo scambio di lettere è infatti dovuto all'improvvisa partenza del protagonista per l'Inghilterra e consiste per lo più in quelle che sua madre e sua sorella Angelica gli scrivono, informandolo di quanto avviene nel frattempo nelle loro vite, a Roma.
Il tono generale del libro è amaro e una tristezza di fondo pervade il romanzo, sino all'epilogo. Tutti i personaggi appaiono infatti, ciascuno per le proprie personali ragioni, inquieti e insoddisfatti e nessuno sembra trarre - pur stando insieme - sollievo o gioia dalla compagnia degli altri.
Nous habiterons une maison sans murs, de sorte que partout où nous irons ce sera chez nous- J.Safran Foer, Extrêmement fort et incroyablement près

E finalmente lui pronunciò le due semplicissime parole che nemmeno una montagna di arte e ideali scadenti potrà mai screditare del tutto. I. McEwan, Espiazione

Sempre Francesina, anche su Anobii

Rispondi