Il diario di Jane Somers - Doris Lessing

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
saturn111
Corsaro Nero
Messaggi: 893
Iscritto il: sab dic 20, 2014 5:22 pm

Il diario di Jane Somers - Doris Lessing

Messaggio da saturn111 »

Il diario di Jane Somers è un libro del 1983 pubblicato da Doris Lessing con lo pseudonimo di Jane Somers il cui titolo originale era The Diary of a Good Neighbour (Il diario di una Buona Vicina). La protagonista è Jane, una donna in carriera di circa cinquant'anni, vicedirettrice di un'importante rivista di moda, che nel giro di pochi anni ha perso il marito e la madre a causa del cancro. Jane, che ora si fa chiamare Janna, fa una descrizione molto dura di sé stessa; ha rifiutato l'idea della malattia dei suoi due parenti più prossimi, e non perché non accettava l'idea di perderli, ma perché non voleva entrare in contatto col loro dolore, non voleva dover portare il fardello di assisterli fisicamente e psicologicamente nel momento più difficile della loro vita. Succede che incontra in farmacia una "vecchina" scorbutica, nei suoi vestiti logori, che emana un cattivo odore, che si rifiuta di comprare il valium prescritto nella sua ricetta e lo sostituisce con l'aspirina, perché dice
"Non ho intenzione di prendere questa roba che istupidisce."
Finisce che l'accompagna a casa, l'appartamento è sudicio, così come i mobili, le stoviglie, i mucchi di roba sparsi in giro. Prendono il il tè, dalle tazze sporche, e inspiegabilmente Janna si offre di tornare a trovarla. E scrive nel suo diario:
Quella sera tornai a casa in preda al panico. Mi ero compromessa, mi ero impegnata.
Ma non è il fatto di essersi impegnata a spingere Janna a mantenere la promessa, a farla tornare da Mrs. Fowler, a incominciare a prendersi cura di Maudie; in fondo una promessa ancora più importante l'aveva fatta anche al marito il giorno del matrimonio, senza mantenerla. Cosa spinge Janna a trattare Maudie come non ha trattato sua madre, sua nonna, il marito malato? Fatto sta che comincia ad avere con questa donna anziana, spesso intrattabile, che rifiuta di chiedere aiuto, un rapporto intimo, forse il rapporto più profondo della sua vita, fatto di un amore incondizionato. Nel suo diario Jane analizza sè stessa con grande lucidità e onestamente. Scrive del suo rapporto con gli altri, col lavoro, con la famiglia (Jane ha ancora una sorella coi suoi figli)... Doris Lessing scrive un bellissimo romanzo psicologico, incentrato sul tema non comune della vecchiaia. Fa una descrizione impietosa di una società individualista, che tratta i soggetti deboli e in particolare gli anziani come degli scarti di cui ignorare l'esistenza. Le famiglie scelgono di dimenticare i propri vecchi o di affidarli ad altri.
"Un tempo, da noi, nessuno avrebbe permesso che un vecchio arrivasse a questo punto. Ma ora - le cose stanno cambiando anche da noi."
Dice il negoziante indiano Mr. Patel. È anche un libro sulle donne: infermiere, assistenti sociali, donne in carriera, donne anziane, donne giovani, volontarie, aiuti domestici, casalinghe... e sul loro lavoro, spesso silenzioso. È un'opera intima, che tratta i temi difficili della morte, del dolore fisico, della vecchiaia: le esperienze che ci fanno più paura, che cerchiamo spesso di rimuovere, di cui non parliamo. Rimane un moto di rabbia alla fine del libro. È la rabbia furiosa che ha accompagnato Maudie a lungo per le sofferenze e le privazioni subite e che si trasferisce in Jane in un sentimento di compassione che prima di allora non aveva mai provato.
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2372
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Il diario di Jane Somers - Doris Lessing

Messaggio da Gahan »

Io non sono riuscita a leggerlo... :(

Rispondi