Middlemarch - George Eliot

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2372
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Middlemarch - George Eliot

Messaggio da Gahan »

Ho letto questo romanzo per la prima volta nel 1996 per un esame universitario, quest'anno ho deciso di rileggerlo per la Bingo Challenge come "libro non piaciuto quando letto a scuola".
Mi sono procurata un'edizione in italiano per pigrizia ( :oops: ) ma anche perché rileggendo la mia edizione Penguin sarei stata troppo influenzata dai commenti a margine.
In questa seconda lettura ho apprezzato tantissimo l'ironia (a mio parere resa molto bene nella traduzione italiana) e ho seguito con attenzione l'intreccio, quando invece alla prima lettura universitaria l'accento era stato posto sulle tematiche politiche e sociali: la Reform Bill, la costruzione della ferrovia, i progressi della medicina (incluso il vivisezionamento dei cadaveri) e l'impatto che tutto ciò ha prodotto in un borgo rurale fortemente conservatore.

Un accenno sulla trama, per invogliarvi a leggerlo:
Dorothea è un'orfana ricca che vive con uno zio scapolo e la sorella Celia. Dorothea è antipatica e imbevuta di idee strampalate e aspettative irreali, quindi non accetta la proposta di matrimonio di un giovane ricco ma non colto, per sposare invece un vecchio prete con i peli sui nei che sta scrivendo un'opera monumentale (e assolutamente inutile), la «Chiave di tutte le mitologie».
Il secondo protagonista del romanzo è Tertius Lydgate, un giovane medico arrivato a Middlemarch pieno di ambizioni e grandi idee progressiste. Si scontrerà con una società molto chiusa, finirà vittima di persone subdole e incastrato in un matrimonio che lo riduce sul lastrico.
Il tutto è arricchito da una serie di personaggi di contorno e trame secondarie piuttosto avvincenti.

George Eliot è, a mio parere, poco conosciuta rispetto ad altre scrittrici inglesi dell'epoca vittoriana, ed è un peccato perché anche la sua biografia è piuttosto interessante.
Rinnegò la religione anglicana (motivo di rottura con la famiglia) e visse per anni, alla luce del sole, con un uomo che era già sposato. Un vero scandalo!

Della stessa autrice ho nella lista dei TBR "Il mulino sulla Floss", mi propongo di leggerlo l'anno prossimo.

Avatar utente
lizzyblack
moderatrice
Messaggi: 12588
Iscritto il: mar feb 17, 2004 1:22 pm
Località: The Noble and Most Ancient House of Black, "Toujours Pur"
Contatta:

Re: Middlemarch - George Eliot

Messaggio da lizzyblack »

Ho iniziato a leggerlo parecchio tempo fa, ma un po' per mancanza di concentrazione e un po' perchè forse non era il suo momento, non l'ho più continuato. Mi ripropongo sempre di farlo, sapere che la trama è ironica mi invoglia a riprenderlo in mano :D
Liz

"If a cat could talk, he wouldn't..."
"Sono posseduto da una passione inesauribile che finora non ho potuto né voluto frenare. Non riesco a saziarmi di libri."
"Wit beyond measure is man's greatest treasure."

Le mie letture

ImmagineVero Acquario

Avatar utente
Mariantonietta
Olandese Volante
Messaggi: 2890
Iscritto il: sab apr 05, 2008 12:06 pm
Località: Sacco (Sa)
Contatta:

Re: Middlemarch - George Eliot

Messaggio da Mariantonietta »

Quoto Lizzy: io addirittura lo tengo in lingua madre!!
Cosa non ci facevano studiare all'Università...


:wall: :wall:

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2372
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Middlemarch - George Eliot

Messaggio da Gahan »

Non è una lettura facile, la prosa è molto arzigogolata e ricca di periodi lunghi pieni di frasi subordinate. Quindi bisogna essere nel giusto stato mentale per affrontarla. La trama è però sufficientemente avvicente per invogliare a proseguire.

L'autrice presenta i personaggi in modo che non si riesce a empatizzare con loro. Ogni volta che le aspettative di qualcuno vengono deluse, il lettore non può che pensare "ti sta proprio bene!", si è sempre lì ad attendere la tragedia successiva piuttosto che il lieto fine...

Rispondi