Chiamate la levatrice - Jennifer Worth

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
saturn111
Corsaro Nero
Messaggi: 893
Iscritto il: sab dic 20, 2014 5:22 pm

Chiamate la levatrice - Jennifer Worth

Messaggio da saturn111 »

Chiamate la levatrice è la bella autobiografia di Jennifer Worth sui suoi primi anni di lavoro con le levatrici di St. Raymund Nonnatus, le pioniere inglesi dell'assistenza professionale al parto. È ambientato nei docks di Londra, i quartieri del porto, fra la classe più povera degli anni '50 londinesi. È una Londra ancora ferita dai bombardamenti e dalla miseria nera di quegli anni. Worth ci porta con sé nei suoi viaggi in una città che probabilmente oggi non esiste più (la politica anglosassone è quella di abbattere il vecchio per costruire il nuovo) ma soprattutto fra le persone conosciute col suo lavoro, gli incontri piacevoli con personaggi fuori dal comune, o quelli non tanto piacevoli con violenza e degrado. E poi la vita con le suore di Nonnatus House, persone comuni e straordinarie allo stesso tempo. Pur essendo un romanzo sulle levatrici, ho trovato nelle colleghe laiche della protagonista i personaggi meno caratterizzati. La storia in effetti racconta soprattutto dello sguardo che una levatrice di quegli anni poteva avere sulla comunità. Godendo della libertà di poter andare ovunque e a qualunque ora, di entrare nel cuore della vita delle persone, in uno dei momenti più delicati per una famiglia, la nascita di un figlio, l'infermiera Lee riesce a descrivere un interessante ritratto dell'East End; il suo linguaggio diretto ci permette di assistere con lei ai parti o a pedalare per le fumose strade londinesi. Ciò che rende universale questo libro è l'umanità che riesce a trasmettere; la povertà, la violenza, il degrado, e il riscatto, la dignità, la passione per quello in cui si crede; è quello che ci accomuna e che permette a questo libro di entrarci nel cuore.
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni

Avatar utente
lizzyblack
moderatrice
Messaggi: 12574
Iscritto il: mar feb 17, 2004 1:22 pm
Località: The Noble and Most Ancient House of Black, "Toujours Pur"
Contatta:

Re: Chiamate la levatrice - Jennifer Worth

Messaggio da lizzyblack »

Ho preso la trilogia, per ora ho letto anche io la prima parte e mi è piaciuta veramente molto!
Liz

"If a cat could talk, he wouldn't..."
"Sono posseduto da una passione inesauribile che finora non ho potuto né voluto frenare. Non riesco a saziarmi di libri."
"Wit beyond measure is man's greatest treasure."

Le mie letture

ImmagineImmagineImmagineImmagine
ImmagineVero Acquario

Avatar utente
lunabluxxx
Re del Mare
Messaggi: 1352
Iscritto il: lun ago 09, 2004 11:13 pm
Località: Padova
Contatta:

Re: Chiamate la levatrice - Jennifer Worth

Messaggio da lunabluxxx »

Ho trovato questo libro estremamente interessante per lo spaccato che dà della vita dei quartieri poveri di Londra nel dopoguerra: non conoscevo nulla di quella realtà e non immaginavo nemmeno le condizioni critiche in cui le persone vivevano e quale conquista poteva essere un parto in sicurezza, in tempi non poi così lontani dai nostri :roll:

La parte migliore del racconto secondo me è la straordinaria umanità e unicità che emerge da tutti i personaggi, dalle suore alle levatrici, dalle famiglie alle figure caratteristiche del quartiere: fantastica la storia della famiglia di Len e Conchita che quasi nemmeno parlano la stessa lingua ma vanno d'amore e d'accordo e fanno un figlio all'anno :shock: :mrgreen:
Le storie di Mary e di Mrs. Jenkins invece mi hanno fatto commuovere e arrabbiare, e l'unica cosa che mi ha infastidita del tono della narrazione è una certa rassegnazione condita di fatalismo che mi è parso di cogliere in relazione a questi destini tragici...ma forse sono io ad essere particolarmente sensibile su certi temi.
In ogni caso, è una lettura assolutamente preziosa!
Dalla tua testa dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te...
(N. Hikmet)

Sono lunabluxxx anche su aNobii

Avatar utente
Éowyn
Olandese Volante
Messaggi: 7992
Iscritto il: mer gen 02, 2008 6:30 pm
Località: Prata di Pordenone
Contatta:

Re: Chiamate la levatrice - Jennifer Worth

Messaggio da Éowyn »

Posso solo dire che ero così presa da mettermi a leggerlo sul marciapiede davanti casa, alla luce del lampione, mentre aspettavo delle amiche che dovevano passare a prendermi...
Ero arrivata al ricordo del parto podalico e mi vengono ancora i brividi, se ci ripenso!
In bc.com sono italianeowyn

Avatar utente
Tafunk
Spugna
Messaggi: 40
Iscritto il: mar ago 09, 2016 10:08 am
Località: Ivrea

Re: Chiamate la levatrice - Jennifer Worth

Messaggio da Tafunk »

mi ispira tantissimo questo libro
Grazie!
Non vedo l' ora di leggerlo
Shomèr ma mi-llailah?

Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti. Stefano Benni

Non è mai troppo tardi per farsi un’infanzia felice.- Tom Robbins

E' il nostro segreto: garbo e gentilezza! (John Milton) L'avvocato del diavolo,

Rispondi