Ribelle genetico - C.J. Cherryh

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
saturn111
Corsaro Nero
Messaggi: 893
Iscritto il: sab dic 20, 2014 5:22 pm

Ribelle genetico - C.J. Cherryh

Messaggio da saturn111 »

Ribelle genetico di Cherryh è il volume n. 1425 di Urania. La fine della lettura mi ha lasciato con l'amaro in bocca, mi aspettavo almeno un altro capitolo... Poi vengo a sapere che in realtà questo libro è stato diviso in due parti e che quello che ho letto è la prima metà. Ma, dico, era tanto difficile scrivere "volume 1" sulla copertina? Mah... Al di là di questa discutibile e illogica scelta editoriale, il libro parte con una storia interessante. C'è un gruppo di folli rastrellati dai loro villaggi che viene trascinato nel deserto per essere portato al cospetto della Ila, la massima autorità della terra del Lakht. Nel Lakht, chi dà segni di squilibrio mentale viene perseguitato e ucciso. In questo gruppo c'è Marak che, per via del titolo italiano, ci si chiede se è anche lui un folle o solo un dissidente politico, in realtà veniamo a sapere che è entrambe le cose... Giunto presso la Ila sarà incaricato di portarsi oltre le terre conosciute del Lakht in un difficile viaggio nel deserto per scoprire le vere origini della epidemia di follia che si è diffusa nel paese. Tutto il libro è un lunghissimo viaggio nel deserto, lento e ripetitivo e il pensiero di altre 250 pagine così non mi entusiasma, anche se vorrei sapere come va a finire... anche perché ho la sensazione che la parte più interessante del libro sia la seconda. Almeno spero. Marak va verso oriente per sapere cosa attira tutti i folli in quella direzione e qui scoprirà che il mondo non è quello che ha sempre pensato che fosse, che nei libri della Ila (una sorta di Bibbia del Lakht) la sua storia è stata in parte celata. Di cosa si tratta esattamente lo si scoprirà nella seconda parte, ciò che Marak riesce solo a intravedere è una lotta di potere tra entità più grandi di lui in cui dovrà trovare il modo di salvare se stesso e le persone a lui care. L'aspetto più affascinante dei romanzi di questa autrice è la grande commistione fra fantasy e fantascienza, tanto che è difficile incasellare questo libro in un genere preciso. Con la lettura della seconda parte potrò dare un giudizio completo sul libro. Ora come ora non saprei dire di più, anche perché si sente che è troncato...
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni

Rispondi