Niccolò Ammaniti, Anna

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
conteroccabruna
Corsaro Nero
Messaggi: 1256
Iscritto il: mar ago 22, 2006 6:55 pm
Località: sanremo
Contatta:

Niccolò Ammaniti, Anna

Messaggio da conteroccabruna »

Ho lanciato il ring dell'ultimo romanzo di Ammaniti più sulla scia dell'incontro con l'autore che non per l'entusiasmo suscitato da questa sua ultima fatica. viewtopic.php?f=23&t=26785
Procediamo però con ordine. Amo molto la scrittura di Ammaniti e con piacere ho appreso che il romanzo in cui lui si identifica è "Come Dio comanda", anche il mio preferito. Detto ciò <Anna> è un ritorno ai protagonisti adolescenti, per i quali l'autore ha una sensibilità tutta particolare e che forse costituiscono la struttura più convincente dei suoi romanzi (v. "io non ho paura", oppure "Io e te"). In questo libro però si sperimenta anche un genere nuovo alla scrittura di Ammaniti, una sorta di "distopia", ovvero una critica ambientalista alla società contemporanea trasposta su un'isola futurista (la Sicilia di un DAY-AFTER), dove a causa di un'epidemia incurabile sono rimasti in vita solo i ragazzini... Non continuo oltre con lo SPOILER. L'esperimento di genere mi ha incuriosito e subito però non mi ha entusiasmato, ma a ripensarci ora, ho talmente vive alcune scene e certe immagini che mi sento di consigliare sicuramente la lettura. Insomma un ottimo Ammaniti.
Una mirabile scena corale, a tratti horror, come solo lui sa rendere, è quella dell'Hotel nella notte del rito, dove i colori delle immagini (Bianco, blu, rosso) costruite con la penna davvero "bucano" la pagina scritta. Non a caso è stata annunciata una serie televisiva tratta da questo romanzo, a cui parteciperà direttamente lo scrittore per la sceneggiatura.
Ho amato in particolare un protagonista non umano, ossia il cane trovatello, che non ho però utilizzato per la Challenge 2016 perchè incautamente avevo già piazzato il libro alla "voce autore della stessa leva"...Peccato. Si tratta di un protagonista indimenticabile di questa storia, che con la sua "impresa" (non la descrivo per non rovinare il finale...) porta un messaggio di solidarietà e devozione tra i due mondi (umano/animale) che travalica qualsiasi altro messaggio distopico.

Rispondi