Stefan Merrill Block, Io non ricordo

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
bettyderob
Re del Mare
Messaggi: 1961
Iscritto il: mer nov 27, 2002 3:05 am
Località: Padova

Stefan Merrill Block, Io non ricordo

Messaggio da bettyderob »

Editore: Biblioteca editori associati di tascabili, 2011
Già dalla dedica si entra nel mondo di Isidora:
Con amore per i miei genitori
Come mi ricordo
Accanto a questo mondo ce n'è un altro. Vi sono
punti in cui si può sconfinare.
Uno dei libri più coinvolgenti fra quelli passati per casa mia.
p.23 le grandi scopertepossono farti improvvisamente vedere ogni cosa in modo diverso
p.25 le parole più importanti di ogni vita: Sono qui
p.115 che ridere leggere ripetuto diverse volte il termine CAGATA, alla base del nostro acido nucleico, se non lo avesse fatto notare una precedente lettrice mi sarebbe passato inosservato, come tutte le volte in cui l'ho studiato.
p.123 la felicità della nostra infanzia era dovuta all'ignoranza assoluta dei milioni di modi in cui la vita poteva essere diversa. Eravamo soltanto quello che eravamo.
p.125 leggere, leggere, leggere...
p. 133 ah che idea quella de I Maestri del Nulla
p.143 citazione di Faulkner "Il passato non muore mai. Non è mai passato"
p. 148 IO VIVO AD ISIDORA, IO SONO ISIDORA!!!!!!
p. 152 ecco quel che provo per mia figlia: Era venuta al mondo tardi, come se la sua bellezza senza paragoni avesse impiegato del tempo a formarsi.
p. 167 la più precisa ed incantevole descrizione dello stupore che io abbia mai letto, altrop che Kant, Pavese, Wilde e tanti altri
p. 169 GRAZIE per avermi fatto conoscere De Kooning http://uploads8.wikiart.org/images/elai ... g-1965.jpg
p. 183 esprimere la rabbia la faceva sentire in qualche modo meno impotente
p. 187 ISIDORA
In questo libro una cartolina di Segantini di un'altra corsara e... il testo è stato nei luoghi in cui Segantini nacque e crebbe.
TutteLeParoleCheRaccolgo, tutteLeParoleCheScrivo, devonoAprireInstancabiliLeAli, eNonFermarsiMaiNelLoroVolo, finoAGiungereLàDoveèIlTuoTriste, tristeCuore, eCantarePerTeNellaNotte, oltreIlLuogoOveMuovonoLeAcque, oscureDiTempestaOLucentiDiStelle. (Yeats)

Rispondi