L'assassino cieco - Margaret Atwood

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2242
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

L'assassino cieco - Margaret Atwood

Messaggio da Gahan »

Laura Chase muore in un incidente d'auto nel 1945, poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. O forse è un suicidio?
Anni dopo, la sorella Iris ormai anziana, si mette a scrivere la storia della famiglia.
Nel frattempo Laura Chase è diventata una scrittrice famosissima grazie alla pubblicazione di un romanzo postumo che si intitola appunto L'assassino cieco, di cui nel libro vengono riportati interi capitoli.
Il romanzo scritto da Laura racconta la storia d'amore clandestina tra una donna di classe medio-alta e un uomo misterioso. L'uomo è un rivoluzionario e un aspirante scrittore e, durante i loro incontri, racconta alla donna la trama di un romanzo di fantascienza che lui vorrebbe scrivere e pubblicare.
Insomma, un libro dentro il libro, dentro il libro.
Ho fatto molta fatica a leggerlo. All'inizio è molto frammentario, il racconto in prima persona di Iris si mischia ai capitoli del libro di Laura, a fittizi articoli di giornale, a noiosissimi capitoli sul presente di Iris.
Non c'è continuità cronologica ed è molto difficile mettere insieme i pezzi. Superata la metà ho dovuto tornare indietro più volte a cercare il tal articolo di giornale per ricordare che fine avesse fatto il tal personaggio.
Ho trovato molto pesante la voce narrante di Iris, un'anziana che si porta dietro tutti gli acciacchi dell'età, la tristezza, la lentezza, la solitudine, i rimpianti... il tutto si riflette nel suo modo di raccontare e non rende interessante la storia.
Le pagine di descrizioni si sprecano e non c'è suspence, almeno all'inizio.
A circa metà del libro il primo importante indizio che fa capire che forse le cose non sono come sembrano. Le ultime 200 pagine scorrono via più velocemente per scoprire gli ultimi tasselli mancanti della storia.
Nel finale dunque l'ho un pochettino rivalutato e sono contenta di non averlo lasciato a metà, ma confesso di averlo mollato dopo le prime 100 pagine e di aver letto nel frattempo altri 2 libri.

Avatar utente
ciucchino
Olandese Volante
Messaggi: 3660
Iscritto il: ven mar 14, 2003 9:00 pm
Località: Torino
Contatta:

Re: L'assassino cieco - Margaret Atwood

Messaggio da ciucchino »

io l'avevo abbandonato dopo poco pagine perchè non riuscivo proprio a seguirlo. Vale la pena di riprovarci?
"I libri li rubavo. I libri non dovrebbero costare nulla, pensavo allora e penso ancora oggi".
(Pascal Mercier, "Treno di notte per Lisbona)

Immagine Immagine

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2242
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: L'assassino cieco - Margaret Atwood

Messaggio da Gahan »

ciucchino ha scritto:io l'avevo abbandonato dopo poco pagine perchè non riuscivo proprio a seguirlo. Vale la pena di riprovarci?
Io alla fine sono stata contenta di averlo portato a termine.
Oltre ad averlo mollato e poi ripreso, confesso anche di aver saltato intere pagine a pié pari. In particolare quelle in cui Iris racconta di essere andata al Caffè e di aver mangiato la ciambella piuttosto che i biscotti, per non parlare di tutte le volte che cade inciampando nei propri piedi, o che si allontana da casa e poi non è più in grado di tornare... Anche le storie di fantascienza possono essere saltate, non si perde nulla della trama principale.

Rispondi