Ultima genesi - Octavia Butler

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
saturn111
Corsaro Nero
Messaggi: 893
Iscritto il: sab dic 20, 2014 5:22 pm

Ultima genesi - Octavia Butler

Messaggio da saturn111 »

Ultima genesi è il primo libro della trilogia della xenogenesi di Octavia Butler. In un futuro imprecisato una giovane donna é tenuta in ostaggio da invisibili carceri. Scoprirà di essere stata salvata dall’apocalisse nucleare da una specie aliena, intervenuta per aiutare la razza umana a sopravvivere. Il tema centrale è la paura innata della diversità, in questo caso un’alienità totale rappresentata dagli Oankali. Ricoperti di organi sensori, somiglianti a dei tentacoli, sono descritti dalla protagonista Lilith come una sorta di animali marini. Il disgusto e la paura atavica che provocano in Lilith vengono descritti in modo particolareggiato; anche se si tratta di un sentimento difficile da immaginare, Butler coglie benissimo lo smarrimento, il disagio, la difficoltà dell’umana nell’avvicinarsi fisicamente ed emotivamente alle entità aliene. Gli Oankali sono affascinati dagli umani e da ciò che loro definiscono due caratteristiche incompatibili appartenenti alla nostra razza, ovvero l’intelligenza e una forte struttura gerarchica. I nostri istinti primitivi contrastano con la nostra più recente caratteristica evolutiva ed è questo che ci porta all’autodistruzione.
È un romanzo molto claustrofobico, ambientato su un astronave immensa ma che trasmette costantemente un’idea di prigione e ineluttabilità commista alla paura dell’ignoto, del futuro. Ma soprattutto l'impossibilità umana nell’accettare un qualunque tipo di segregazione, per quali che possano essere i “vantaggi”.
Una lettura bella, particolare, consigliata.
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni

Rispondi