Scorre la Senna, Fred Vargas

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lunabluxxx
Re del Mare
Messaggi: 1353
Iscritto il: lun ago 09, 2004 11:13 pm
Località: Padova
Contatta:

Scorre la Senna, Fred Vargas

Messaggio da lunabluxxx »

Il libro raccoglie tre racconti:

- Salute e libertà: nel mezzo di un'estate parigina torrida, improvvisamente un pittoresco vecchio sarto male in arnese, Vasco, inizia a stazionare stabilmente sulla panchina di fronte al commissariato, insieme ad una malandata lampada a stelo e ad un "servo muto". La sua presenza infastidisce l'ispettore Danglard ed incuriosisce il commissario Adamsberg, che nel contempo inizia a ricevere lettere anonime in cui un misterioso assassino lo sfida a scoprire l'omicidio che ha compiuto e che è rimasto impunito.

- La notte efferata: è la notte di Natale, in cui tutti sono costretti alla festa ed alla compagnia forzata oppure ad una solitudine che non si può ammettere, perchè "il Natale getta l'obbrobrio su chi è solo". Così Adamsberg sceglie di rimanere in servizio, sapendo che in questa notte spesso le passioni ed i rancori esplodono, e infatti verso l'alba riemerge dalla Senna il corpo di una donna che nessuno ha visto cadere.

- Cinque franchi l'una: un barbone che vende spugne stipate su un carrello del supermercato è l'unico testimone dell'omicidio a bruciapelo di una donna ricca ed importante, solo che non vuole saperne di collaborare. Adamsberg però si inventa una curiosa contropartita...

Ho amato soprattutto i primi due racconti, il primo per la splendida resa del personaggio di Vasco e delle reazioni che provoca su Adamsberg e Danglard, perfettamente in linea con i rispettivi caratteri, il secondo perchè evoca bene il rovescio della medaglia di quella che dovrebbe essere la notte più gioiosa dell'anno, ma a volte non fa che esacerbare solitudini e miserie molto umane, oltre che scoperchiare crudeli inganni.

Anche del terzo racconto ho amato Pi, il testimone recalcitrante di cui vediamo pensieri, desideri e paure, ma non mi è piaciuta la quasi totale assenza di approfondimento sulla vittima e sul delitto: la trama praticamente non esiste, e per me è una grave pecca anche per un racconto :roll: .

Adamsberg, eccentrico come sempre anche per il suo vice Danglard che pure gli vuole bene, spala nuvole e cerca la potenza nel temporale, trovandoci l'ispirazione risolutiva per la conclusione delle indagini :wink: . La Senna e Parigi sono compagne affascinanti ma indifferenti dei sentimenti e delle debolezze degli esseri umani.
Dalla tua testa dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te...
(N. Hikmet)

Sono lunabluxxx anche su aNobii

Rispondi