Re in eterno, T.H. White

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2257
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re in eterno, T.H. White

Messaggio da Gahan »

Il libro è diviso in 4 parti.
La prima è molto simile al film "La spada nella roccia" della Disney: l'incontro tra Artù e Merlino, la vita nel castello di Sir Ettore, l'apprendimento mediante trasformazione in vari animali, l'estrazione della spada dalla roccia, ecc. Però ben presto diventa un'accozzaglia di eventi degna di Don Chisciotte. Inoltre la collocazione temporale mi ha del tutto spiazzata... La leggenda di Re Artù risale al periodo post-colonizzazione della Britannia da parte dei Romani, ovvero V-VI secolo, ma qua si parla di Sassoni e Normanni, addirittura Artù bambino incontra la banda di Robin Hood, altra figura leggendaria che risale a un'epoca più tarda.
In tutto il libro viene anche citata la Torre di Londra, ma anche questo è un anacronismo, in quanto l'inizio della sua costruzione risale all'epoca di Guglielmo il Conquistatore.
Nella seconda parte, si narra principalmente dei cavalieri della tavola rotonda e dell'incesto tra Artù e la sorellastra Morgause, da cui nascerà il figlio Mordred. E qui altra sorpresa (almeno per me). Nel libro "Le nebbie di Avalon" di Marion Zimmer Bradley e nel film "Excalibur", la madre di Mordred è Morgana. Invece pare che nei cicli arturiani più antichi, la madre di Mordred si chiamasse appunto Morgause e fosse sorella di Morgana.
La tarza parte narra le vicende di Lancillotto e Ginevra ed è in assoluto la parte più noiosa e faticosa. Una serie infinita di tornei, combattimenti, ricerche, rapimenti, in puro stile romanzo cavalleresco.
L'ultima parte narra infine dell'intrigo ordito da Mordred per salire al trono.

Dal libro che viene decantato come "IL" libro sulle leggende arturiane, inserito nell'elenco dei "1000 libri da leggere prima di morire", mi aspettavo moooolto di più. Essendo inoltre classificato come "libro per ragazzi" pensavo che fosse molto più scorrevole.
Mi ha annoiata a morte e l'ho letto a singhiozzo, spalmandolo su diversi mesi.

L'ho letto in inglese (titolo originale "The Once and Future King") e ho pure il seguito, "The Book of Merlyn", non so se avrò il coraggio...

Rispondi