Bookcrossing Italy

All your books are belong to us! -- Il forum dei bookcorsari italiani
Oggi è mar giu 19, 2018 5:08 am

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: "Due come loro" - Marco Marsullo
MessaggioInviato: sab apr 14, 2018 10:07 am 
Non connesso
Olandese Volante
Avatar utente

Iscritto il: mer nov 15, 2006 3:44 pm
Messaggi: 9012
Località: Peccioli (Pisa)
Il patto narrativo di sospensione dell’incredulità si instaura fin dalle primissime pagine (anzi, addirittura fin dalla seconda di copertina: non inizi a leggere questo libro se non sei disposto a seguire le vicende di un dipendente di Dio e del diavolo, no ?!), ma allora perché dilungarsi spesso in digressioni che tornino a spiegare cosa significa lavorare per l’uno o per l’altro ? Hanno solo l’effetto di incrinare la finzione (oltre a rallentare e appesantire il ritmo).
L’ironia trova terreno fertile nella scelta di mettere in ridicolo vizi e manie contemporanei (attribuiti sia agli uomini e alle donne che si incontrano nel romanzo, sia ai due suddetti datori di lavoro) ma spesso il gioco è troppo facile, e il risultato non è né umoristico né comico (secondo i canoni pirandelliani), ma neutro: banalizza luoghi comuni già di per sé stereotipati, senza aggiungere niente di nuovo all’intento di satira sociale.
Se a tutto ciò si aggiunge un linguaggio talvolta volgare (almeno secondo i miei personalissimi parametri di giudizio), una propensione a disseminare di battute e di aforismi (veri o aspiranti tali) pagine che non certo grazie ad essi diventeranno memorabili, finisco per concludere che questa volta Marsullo ha calcato un po’ troppo la mano, perdendo di vista la fragilità dell’equilibrio fra toni diversi che mi aveva fatto apprezzare molto di più “L'audace colpo dei quattro di Rete Maria che sfuggirono alle Miserabili Monache” e “I miei genitori non hanno figli”. Ed è un vero peccato perché a sprazzi, anche in questo romanzo, si trovano alcune espressioni che dimostrano talento per la delicatezza, come, solo per citarne alcune: “Ha quell’età in cui il viso di una femmina è un misto tra la giovinezza e i rimpianti” (insieme a tutta la pagina dedicata a descrivere i pensieri di suor Marianna che sta per suicidarsi); “la solitudine è la moneta di resto piú diffusa al mondo”; “Percepiva la separazione come un elastico di tempo che si stava solo tendendo fino alla massima estensione, poi sarebbe tornato indietro”.

Con una trama così originale, insomma, mi aspettavo tutt’altro. Non dico che non si legga piacevolmente (soprattutto nella seconda metà, quando il protagonista diventa più umano e meno macchietta), che non abbia sorprese da riservare. Dico solo che scorre via, lasciando poco dietro di sé.

_________________
La mia libreria - Lista dei desideri - Towandaaa su aNobii

"Una storia che non conosci
non è mai di seconda mano
è come un viaggio improvvisato
a chilometraggio illimitato"
S. Bersani, Pacifico, F. Guccini - Le storie che non conosci (Io leggo perchè - 23 aprile 2015)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
[ Time : 0.091s | 14 Queries | GZIP : On ]