La scomparsa di Stephanie Mailer, Joël Dicker

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2287
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

La scomparsa di Stephanie Mailer, Joël Dicker

Messaggio da Gahan »

Il nuovo romanzo di Joël Dicker è più sullo stile di "La verità sul caso Harry Quebert", quindi un bel mistery.
Ci sono principalmente due vicende: un quadruplice omicidio avvenuto nel 1994 e la scomparsa della Stephanie Mailer del titolo avvenuta nel 2014. Il libro è dunque un alternarsi tra presente e passato, con l'inserimento di numerose trame secondarie, vicende personali dei personaggi principali e una sfilza di personaggi di contorno che continuano a saltar fuori ben oltre la prima metà del libro. Così anche questo libro è diventato un calderone in cui si affrontano le tematiche più disparate: festival teatrale, tangenti, corruzione, prostituzione, cyberbullismo, lutti, tradimenti e separazioni, fino a sconfinare nel grottesco con la vicenda del direttore Bergsdorf e della sua amante.

A me è piaciuto perché:
1) Non c'è lo stesso protagonista/narratore degli altri due. Infatti temevo un po' che, sulla scia del successo dei precedenti romanzi, lo riproponesse di nuovo. Invece questa è proprio una storia a sé, con personaggi e ambientazione completamente nuovi. Anche lo stile è un po' diverso, ci sono qui narratori multipli che presentano la storia da diverse angolazioni.
2) È un libro che intrattiene. Erano parecchie settimane che non mi trovavo tra le mani un libro che mi coinvolgesse al punto da non riuscire a staccarmene.
3) Penso che Joël Dicker sia stato abbastanza bravo a gestire cotanta mole di pagine e di contenuti, caratterizzando bene i personaggi, dando il giusto peso alle diverse trame e inserendo i colpi di scena al momento giusto. Per tutto il libro non ho minimamente faticato a ricordare le varie vicende, non ho confuso i personaggi e non ho mai perso il filo.

Una bella lettura estiva...

Rispondi