La guerra del basilico, Nico Orengo

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lunabluxxx
Re del Mare
Messaggi: 1349
Iscritto il: lun ago 09, 2004 11:13 pm
Località: Padova
Contatta:

La guerra del basilico, Nico Orengo

Messaggio da lunabluxxx »

Un'alga assassina, la Caulerpia Taxifolia, infesta in modo misterioso la Riviera di Ponente e minaccia tutto il Mediterraneo. Sandra, una biologa italiana in missione a Montecarlo per collaborare col Museo Oceanografico, trova alloggio solo al di qua della frontiera, all'albergo «Tropicana», crocevia di storie e personaggi in fuga, nonché teatro di una storia d'amore perduta nel tempo i cui unici indizi restano una gonna gialla e una spropositata pianta di basilico.

Una processione di personaggi variegati, a volte eccentrici, a volte addirittura surreali; un albergo autogestito ammantato di glorie passate; una vicenda, tinta di giallo, di rosa e di ricordi cinematografici.
La storia è vivace ed ironica, anche se un po' sconclusionata, ma tutto sommato di piacevole lettura. Mi sono rimasti impressi in particolare il mitico Adriano, maitre rassegnato e tuttofare pragmatico nell'azione ed artistico nell'indole, e la divertentissima scena in cui, durante il party spagnolo, uno dei proprietari dell'albergo, giocatore incallito, legato come un salame perchè non vada a giocarsi l'intero albergo, fugge al casinò inseguito da Adriano e dal fratello.

"Si voltarono appena in tempo per vedere l'avvocato Alfio infilarsi, legato come un arrosto, in auto e, sgommando, partire in direzione della frontiera. Dietro, ma a piedi, lo inseguivano Adriano, impacciato nei tacchi da ballerino di flamenco, e l'avvocato Luciano, a cui le robuste libagioni avevano piegato le gambe ed era costretto ad avanzare sulle ginocchia".

"- Adriano?
- E' andato in Francia a suonare Play it again al Corsaro".
Dalla tua testa dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te...
(N. Hikmet)

Sono lunabluxxx anche su aNobii

Rispondi