Bookcrossing Italy

All your books are belong to us! -- Il forum dei bookcorsari italiani
Oggi è gio nov 14, 2019 3:40 pm

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Il grande salto - Mahi Binebine
MessaggioInviato: ven gen 18, 2019 10:30 pm 
Non connesso
Corsaro Nero
Avatar utente

Iscritto il: sab dic 20, 2014 6:22 pm
Messaggi: 893
Cita:
Tuttavia la morte restava lì, onnipresente. L'avevamo adottata. Ci abitava e noi l'abitavamo. Erompeva dai nostri occhi rossi e dai nostri pugni chiusi per delle brevi sortite. Passeggiava vestita di bianco sulle rovine della nostra città e tornava a rannicchiarsi tra di noi. Eravamo la casa dove riposava e noi trovavamo pace appoggiandoci a lei. La morte era nostra alleata. Ci serviva e noi la servivamo. Le prestavamo il nostro odio, le nostre vendette e i nostri coltelli. Lei li utilizzava al meglio e poi ce li restituiva per reclamarli ancora. Ancora e ancora.


Questo libro marocchino apre uno squarcio sulla miseria che vive accanto alla ricchezza. È ambientato alla periferia di Casablanca, il centro economico del paese, attorno a cui sorgono numerose baraccopoli. A Sidi Mounem le vite prolificano tra rifiuti, povertà, violenza e sfruttamento. La morte è fra i primi ricordi dell'infanzia ed è il suo spettro ad accompagnare la vita dei ragazzini che si formano in questo ambiente privo di speranza. "Non ci sono solo momenti tristi a Sidi Moumen", ciò che manca però è una prospettiva reale di vita alternativa alla miseria, alla bruttura, alla violenza in cui i protagonisti sono immersi e che contagia e inquina tutto e tutti - come una peste dilagante. Mahi Binebine apre la mente a interrogativi fortissimi a tutti noi che viviamo trincerati dietro i muri del nostro benessere (che a prescindere dai livelli individuali è sempre molto di più di quello a cui i personaggi del libro possono aspirare). Noi che abbiamo così, giustamente, paura della violenza a cui forse potremmo venire esposti un giorno dovremmo forse chiederci dove nasce, cosa la origina, e andare a spezzare alla fonte questa cancrena. Questo libro ci regala la prospettiva di chi, anche se solo adolescente, vede nella morte una consolazione alla vita, anziché il contrario e cioè come dovrebbe essere. È in questa ottica che ci si aggrappa a qualunque cosa possa dare un senso all'esistenza, a un rifugio qualunque esso sia; ed è qui che la morte ci rende suoi strumenti e sue vittime allo stesso tempo.

È un libro che Mahi Binebine ha scritto per capire meglio la realtà del suo Marocco e che consiglio a chi vuole capire meglio il nostro tempo e le origini di quei focolai di violenza che ci coinvolgono tutti.

_________________
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
[ Time : 2.142s | 11 Queries | GZIP : On ]