La custode del miele e delle api - Cristina Caboni

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5265
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

La custode del miele e delle api - Cristina Caboni

Messaggio da lisolachenonce »

La custode del miele e delle api - Cristina Caboni
Rilegato, 328 pagine
Garzanti, 2015

Romanzo ambientato in un'isoletta della Sardegna meridionale, un paradiso incontaminato dove abbondano le api selvatiche e domestiche. La protagonista è una giovane donna dall'infanzia travagliata che eredita un'antica proprietà da una parente apicultrice e custode delle antiche tradizioni sarde. Angelica ha vissuto con la prozia per alcuni anni dell'infanzia e ha ricevuto l'imprinting della cura delle api, tanto da laurearsi in zoologia e diventare curatrice itinerante delle api. Quando riceve l'inaspettata eredità, torna all'isoletta e sente di essere "tornata a casa". Il suo desiderio di mettere radici è però ostacolato da un progetto di speculazione edilizia che rovinerebbe per sempre l'ecosistema.
Insieme alle donne dell'isola e con il contributo di un "tagliatore di teste" pentito, riuscirò a proporre un diverso modello di sviluppo.
Il personaggio di Angelica (e anche quello della madre) sono veramente sopra le righe, dovrebbero forse sembrare passionali e sono schizzate. Si oscilla ogni 5 minuti (nella trama, non nella lettura) tra "sono felice estatica mi sento benissimo, sicura, a casa ecc." a "sono furiosa" o "terrorizzata", "me ne vado" e simili.
Anche altri personaggi risultano un po' eccessivi, l'autrice deve lavorarci un po' sopra, mentre è molto interessante sia l'apicultura (sembra che l'autrice ne abbia esperienza diretta) sia il modello di sviluppo nel mantenimento dell'ambiente e delle antiche tradizioni del territorio che vengono condivise con i turisti. Certe descrizioni bucoliche sono davvero avvincenti.
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING

Rispondi