Il commissario e la badante di Andrea Fazioli

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5265
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Il commissario e la badante di Andrea Fazioli

Messaggio da lisolachenonce »

Il commissario e la badante di Andrea Fazioli
304 pagine, Guanda, 2020

dalla 4° di copertina:
Nella Svizzera di oggi, multietnica e ormai raggiunta dai venti della crisi, si muove una strana coppia di investigatori. Sono l’ex commissario Giorgio Robbiani, della Polizia cantonale ticinese, e la sua badante, la tunisina Zaynab Ammar. Robbiani, in pensione e ancora addolorato per la scomparsa della moglie, spesso viene contattato per piccoli problemi, furti, sparizioni, litigi, visto il suo fiuto da poliziotto affinato dall’esperienza. Zaynab, giovane donna segnata dalla fatica e dalla solitudine dopo la morte del marito nel Centro per richiedenti asilo di Chiasso, con la sua vivace intelligenza si rivela un’ottima assistente per le micro-indagini del commissario. Non potrebbero essere più diversi: lui un anziano un po’ disilluso, benestante e agnostico; lei una musulmana timorosa e piuttosto diffidente, anche se curiosa del nuovo. Eppure si completano a vicenda, anzi, sono la prova che solo la conoscenza reciproca consente uno sguardo adeguato sulla complessità del mondo. Mentre imparano a fidarsi l’uno dell’altra, il commissario e la badante risolvono i casi piccoli e grandi che si susseguono in questi ottantacinque racconti.

Ho scoperto che questo libro è costituito da microracconti di 2-3 pagine perché ogni storia è stata pubblicata inizialmente su una rivista settimanale per più di un anno. In effetti tra le varie microstorie c'è anche un filo conduttore, un giallo che viene risolto soltanto alla fine dell'ultimo racconto.
Complessivamenteil libro non mi ha detto molto, l'ho trovato troppo minimal, le storie gialle sono estremamente semplici e banali. sicuramente a causa dell'eccessiva brevità imposta dal format originario. I 2 principali personaggi sono abbastanza definiti ma senza mai oltrepassare le caratterizzazioni generiche per l'anziano che vede la propria autosufficienza diminuire giorno per giorno e la straniera che cita il corano e ha la saggezza delle antiche culture mediterranee. La parte più gradevole è la descrizione delle montagne del canton Ticino e di altri cantoni svizzeri, che ho visitato più volte e che mi piacciono molto. Alcune pagine mi hanno riportato lì, per un attimo.
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING

Rispondi