Guida il tuo carro sulle ossa dei morti - Olga Tokarczuk

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5355
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Guida il tuo carro sulle ossa dei morti - Olga Tokarczuk

Messaggio da lisolachenonce »

Guida il tuo carro sulle ossa dei morti di Olga Tokarczuk
Bompiani, 2020
272 pagine

Confesso che desideravo leggere un libro di questa autrice da quando ha vinto il Nobel, non ne avevo mai sentito parlare prima.
Quando mi è capitato di passare dalla Polonia nel "Giro del mondo con i libri" ho colto la mia occasione :D :D :D

Il romanzo "Guida il tuo carro sulle ossa dei morti è un libro giallo, quindi non racconterò la trama ;-). Il personaggio principale e io narrante è una sessantenne che abita in una casa su un altopiano isolato nell'estremo sud della Polonia, al confine con la Repubblica Ceca. Dopo aver lavorato come ingegnere progettista, la vecchia signora, appassionata di oroscopi, si è ritirata nella solitudine dell'altopiano spazzato dal vento, dove il clima rigidissimo, le strade sterrate e la neve per molti mesi dell'anno sembrano garanzia di pace e di una natura incontaminata. Purtroppo del vicino villaggio arrivano cacciatori (hanno addirittura un circolo della caccia, con capanni, trappole, un santo patrono) a distruggere la pace della protagonista. L'aspetto preponderante della narrazione è dato dalla discrepanza di valori tra la protagonista, appassionata ecologista e amante degli animali e di tutte le forme vicenti, decisa a difendere il bosco vicino alla sua casa e gl ianimali che contiene (mitiche le lettere che scrive alla polizia cercando di denunciare i soprusi dei cacciatori) e il resto della popolazione che, oltre a praticare la caccia, sembra vivere in un sistema di sopraffazione continua e scarso rispetto della legge. La maestria dell'autrice sta proprio nel far percepire da mezze parole e qualche discorso riportato come la comunità conideri la protagonista una vecchia pazza perché diversa da loro.
In mezzo a tutto questo ci sono dei morti e un colpevole da scoprire..........
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING
Su anobii sono lisolachenoncè

Rispondi