Palme nella neve di Luz Gabàs

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5355
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Palme nella neve di Luz Gabàs

Messaggio da lisolachenonce »

Palme nella neve di Luz Gabàs
Mondadori, 2014
608 pagine

Romanzone di passioni ambientato nell'isola di Bioko, uno dei 2 territori che costituiscono la Guinea equatoriale (ex colonia spagnola), in 2 tempi: nel secondo dopoguerra, quando era ancora una colonia, dal '49 al '64 circa subito dopo l'indipendenza, quando tutti i bianchi vengono cacciati o obbligati a fuggire e nel 2003-2004 quando la figlia di un "colono" torna a Malabo (es Santa Isabel) per scoprire la verità su tanti misteri rimasti irrisolti sulla permanenza del padre Jacobo e dello zio Kilian che hanno lavorato per quasi 20 anni nella più grande e produttiva delle piantagioni di cacao, Sampaka.
Drammone a forti tinte dove non mancano passioni, figli segreti, stupri e vendette mortali, ha una solida ambientazione storica frutto di una accurata documentazione. Tutti i protagonisti spagnoli vengono da una remota e freddissima valle dei Pirenei, chiamata Pasolobino, e questa è una realtà storica ben documentata, così come le vicende della Guinea prima e dopo la decolonizzazione, inclusa la dittatura crudelissima e devastante di Macias.

Quello che a me non è piaciuto, in gran parte, è lo svolgimento della storia dei protagonisti inventati, così come i personaggi stessi mi sono sembrati poco approfonditi e piuttosto stereotipati, anche se viene fatto un tentativo di umanizzazione dei personaggi indigeni, sia i bubi autoctoni dell'isola di Bioko (e grandi vittime di questa storia, in quanto derubati delle loro terre dai colonizzatori prima e dall'etnia Fang del dittatore Macias poi) sia dei nigeriani che lavoravano come braccianti nelle piantagioni. Forse la parte più bella del libro è la descrizione della natura lussureggiante dei luoghi, della coltivazione del cacao, della bellezza dell'isola vulcanica, della fertilità del suolo.

Ho scoperto che ne hanno anche fatto un film con lo stesso titolo. Sono curiosa di vedere come hanno fatto a concentrare in meno di 2 ore le 608 pagine di questo romanzo :eyes: :eyes: :eyes: :eyes:
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING
Su anobii sono lisolachenoncè

Rispondi