Mai stati così felici - C. Lombardo

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
francesina
Olandese Volante
Messaggi: 2336
Iscritto il: gio apr 05, 2007 2:19 pm
Località: Padova

Mai stati così felici - C. Lombardo

Messaggio da francesina »

Avere due genitori praticamente perfetti e innamorati come il primo giorno potrebbe sembrare una situazione invidiabile, ma stando alle vite delle quattro giovani donne protagoniste di questo romanzo in realtà non deve essere semplicissimo.
La vicenda è ambientata tra gli anni Settanta e i giorni nostri ed è narrata tramite continui avanti e indietro nel tempo, seguendo a volte la vita dei due genitori David e Marylin ed a volte quella di Wendy, Violet, Liza e Grace. Quattro sorelle molto diverse tra di loro, ma tutte unite dalla difficoltà di paragonare le loro vite e le loro relazioni sentimentali, tutte assolutamente normali nei loro alti e bassi, con la coppia apparentemente perfetta rappresentata dai genitori. Il lettore apprenderà nel corso del romanzo che non è così e che la loro relazione funziona grazie al buon carattere di entrambi e al comune desiderio di basare tutto sulla famiglia creata.
Mai stati così felici è una lettura scorrevolissima, non avvilente per il poco spessore, ma certamente non richiede grande concentrazione.
L’ambientazione non è approfondita – la storia si svolge a Chicago, ma potrebbe essere ovunque – e lo studio dei personaggi non deve avere comportato un grande sforzo. Tuttavia, l’autrice tiene il lettore avvinghiato per 700 pagine – non poche quindi – e se è vero che alcuni passaggi hanno un che di forzato, le pagine si fanno girare una dopo l’altra.
Una lettura che non cambia la vita, ma decisamente confortevole.
Nous habiterons une maison sans murs, de sorte que partout où nous irons ce sera chez nous- J.Safran Foer, Extrêmement fort et incroyablement près

E finalmente lui pronunciò le due semplicissime parole che nemmeno una montagna di arte e ideali scadenti potrà mai screditare del tutto. I. McEwan, Espiazione

Sempre Francesina, anche su Anobii

Rispondi