Cameroon with Egbert di Dervla Murphy

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5375
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Cameroon with Egbert di Dervla Murphy

Messaggio da lisolachenonce »

Cameroon with Egbert di Dervla Murphy
Pagine: 304
Paperback, Flamingo, 1999

Ecco, è andata così: dovevo leggere un libro ambientato in Camerun (per la sfida "Il giro del mondo con i libri") e cercando su internet ho trovato la recensione di questo libro che racconta, in prima persona, il viaggio a piedi di 2 donne irlandesi (madre e figlia) attraverso una regione del Camerun, negli anni '60.
A me in generale i libri di viaggio piacciono e dalla recensione sembrava un libro divertente, così me lo sono procurato e l'ho letto. La prima parte è scorsa via abbastanza bene ma ad un certo punto ho iniziato a trovarlo estrememente ripetitivo e ho fatto una fatica enorme a finirlo.
Nella prima metà del viaggio hanno un cavallo da soma di nome Egbert, da cui il titolo. Ad un certo punto il cavallo viene rubato (ci si arriva per esclusione dopo giorni di ricerca a piedi nel paesaggio pieno di dirupi e precipizi) e le 2 donne devono continuare senza di lui, portandosi tutto sulla schiena ed elimonando tutto quanto non sia immediatamente indispensabile. Il viaggio si svolge tutto tra un altimpiano e picchi montagnosi, quindi il clima è accettabile, i paesaggi descritti sono belli, anche se è difficile immaginarli.
Incontrano parecchia gente strana, in molti casi non riescono a stabilire una vera comunicazione, vengono però aiutate quasi sempre e praticamente sempre ospitate da qualche anima buona locale. Alla fine del libro si ammalano tutte e due e con grandi stenti riescono a raggiungere una città dove possono ricevere cure e dosi massicce di antibiotici. Sempre grazie ad anime buone locali viene ritrovato Egbert, che vendono per avere i soldi del biglietto di ritorno a casa.
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING
Su anobii sono lisolachenoncè

Rispondi