Banana Yoshimoto - Kitchen

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Avatar utente
LellaTs
Bucaniere
Messaggi: 319
Iscritto il: mar ago 05, 2003 9:16 pm
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da LellaTs »

Non so...io avavo comprato Kitchen molto incuriosita e speranzosa.
Dopo più o meno 10 o 20 pagine al massimo l'ho abbandonato nauseata e annoiata! :oops:

Con tutto il rispetto per i suoi ammiratori, dubito che riproverò a leggerlo :D
ciaooooo,
LellaTs.

Avatar utente
luna78
moderatrice
Messaggi: 2999
Iscritto il: ven giu 13, 2003 2:54 pm

Messaggio da luna78 »

come disse qualcuno in un certo film ( :oops: ) riguardo all'opera:

"O l'ami o la detesti... e se l'ami l'amerai per sempre, altrimenti imparerai ad apprezzarla, ma non la sentirai mai veramente!"

e così è il genere della Yoshimoto!!! c'è chi lo adora letteralemte ( :wink: !IO!IO!IO! :wink: ) e chi proprio non lo può soffrire :no!: :no!: :no!: ... sono pochi quelli che si trovano nel mezzo :???: ... almeno in base a quello che ho potuto appurare io :think: :suspect: !
Vero AcquarioImmagine Immagine
"Mi è sempre piaciuto il deserto.Ci si siede su una duna di sabbia.Non si vede nulla.Non si sente nulla.E tuttavia qualche cosa risplende in silenzio" Il Piccolo Principe
"La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità!" - Il Cappellaio Matto - Alice in Wonderland

Avatar utente
liberliber
amministratrice ziaRottenmeier
Messaggi: 20387
Iscritto il: mar ott 22, 2002 11:02 am
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da liberliber »

luna78 che si vede che se ne intende ha scritto:come disse qualcuno in un certo film
Richard Gere in Pretty Woman. Che fascino... che uomo!!! :roll: :D
Ho potuto così incontrare persone e diventarne amico e questo è molto della mia fortuna (deLuca)
Amo le persone. E' la gente che non sopporto (Schulz)
Ogni volta che la gente è d'accordo con me provo la sensazione di avere torto (Wilde)
I dream popcorn (M/a)
VERA DONNA (ABSL)
Petulante tecnofila (EM)


NON SPEDITEMI NULLA SENZA AVVISARE!
Meglio mail che mp. Grazie.

Avatar utente
luna78
moderatrice
Messaggi: 2999
Iscritto il: ven giu 13, 2003 2:54 pm

Messaggio da luna78 »

Liber... ma come mi capisci!!! :roll: :wink: :P

è proprio un peccato che non ci incontreremo al meet up... dovrò ingegnarmi per venire io ad uno milanese!!! :think:
Vero AcquarioImmagine Immagine
"Mi è sempre piaciuto il deserto.Ci si siede su una duna di sabbia.Non si vede nulla.Non si sente nulla.E tuttavia qualche cosa risplende in silenzio" Il Piccolo Principe
"La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità!" - Il Cappellaio Matto - Alice in Wonderland

Avatar utente
alexyr
Re del Mare
Messaggi: 1907
Iscritto il: sab set 27, 2003 7:53 pm
Località: milano-sanremo..provate a prendermi....

Messaggio da alexyr »

ok vedo che si è scritto tanto.
ma a me banana lascia sempre perplessa.Ogni volta che la leggi,è come leggere un camaleonte.Alle volte scivola via lenta,focalizzata sul dolore,sulla incantevole tristezza della vita,alle volte ti assale come una tigre alla gola. Alle volte mi piace,alle volte la defenestrerei.
Ma grazie a Dio che esiste gente che sappia stupirci.
**utcumque de me vulgo mortales lucuuntur**
www.enricogianfranchi.com (my favourite photo)
http://perasperaadastra.iobloggo.com perchè non appestare il web,se puoi?

Avatar utente
quisaz
Mozzo
Messaggi: 79
Iscritto il: gio ago 21, 2003 2:47 pm
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da quisaz »

Mentre ci davamo appuntamento, guardai dalla finestra. L'aria era color
grigio piombo. Le nuvole venivano trascinate via dal vento con una forza
incredibile. In questo mondo non c'e' posto per le cose tristi.
Nessun posto.
(B.Yoshimoto, Kitchen)
Quello che allora non sapeva, era che impazzire
talvolta e' una reazione appropriata alla realta'.
(P.K.Dick, VALIS)

Avatar utente
distico
Corsaro Rosso
Messaggi: 601
Iscritto il: gio mar 20, 2003 11:42 pm
Località: Roma

Messaggio da distico »

gli scrittori giapponesi toccano l'anima!
"Bellezza e tristezza." si fondono...
Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente e' spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva...

talpascavabuchi
Spugna
Messaggi: 33
Iscritto il: mar ott 21, 2003 12:40 pm
Località: roma

Messaggio da talpascavabuchi »

vedo che sonno profondo è stato poco menzionato.....

io sono rimasta (tanto tempo fa) molto colpita e affascinata da questo piccolo racconto tanto che comprai tutti i libri della yoshimoto.....

ma devo dire che come sonno profondo non ce n'è stato nessun altro!

ps. scusate se ho ritirato fuori questo vecchio topic ma non ne avevo mai fatto caso

ciao
Talpa

Avatar utente
orsomarso
Re del Mare
Messaggi: 1942
Iscritto il: lun mag 12, 2003 11:41 pm
Località: L'Aquila
Contatta:

Messaggio da orsomarso »

Devo avere quel libro da qualche parte, ma ancora non lo ho letto. Lo aveva comprato mio fratello diverso tempo fa e poi lo ha messo nella libreria dove è probabilmente rimasto. Andrò a ricercarlo, mi avete incuriosito, dopo aver letto Pasolini, attacco con la Yoshimoto (ho scritto goisto?)
Forse la giovinezza è solo questo perenne amare i sensi e non pentirsi. (S.PENNA)

Avatar utente
Virgilio
Olandese Volante
Messaggi: 4437
Iscritto il: dom ott 23, 2005 8:44 pm
Località: Roma

Messaggio da Virgilio »

Finito di leggere questa mattina...

Il libro mi era stato consigliato tempo fa da una persona cara, e quindi quando l'ho trovato in una libreria dell'usato sabato scorso l'ho preso subito.
Il mio giudizio lo devo scindere in due, uno sui ciascuno dei due racconti.
Il primo "Kitchen" è un racconto particolare, molto delicato, in cui effettivamente sì vede quella che è la dote forse migliore di questa scrittirice, cioè far percepire il dolore in maniera velata, quasi dolce. Bello l'uso dei tempi, abbastanza lenti, in perfetto stile giapponese, pur non risultando noiosi, e questo forse è dovuto anche al fatto che il racconto non è lunghissimo. Boh non lo so però io in questo racconto mi ci sono ritrovato molto, mi piace com'è scritto, mi piace com'è organizzato, mi piace com'è pensato...

Il secondo "Moonlight shadow" è però decisamente superiore, sia per le ragioni che me l'hanno fatto leggere (e che penso mi faranno rimanere molto legato a questo libro), sia perchè è secondo me molto diverso dal precedente...qui secondo me il dolore non è affatto accennato, velato, è vivo, è crudo, è sì ovattato ma è una sensazione che conosco, e quello che c'è sotto si percepisce bene. Adoro quel tocco di irrealtà che alcuni scrittori riescono ad inserire nei loro lavori, e qui la yoshimoto ci è riuscita in un modo spettacolare...
Ci ho rimuginato molto su questo racconto, mi ha richiamato alla mente molti pensieri, molte sensazioni, molte idee...e alla fine mi ha aperto un piccolo spiraglio nella memoria, un leggero soffio di vento che ad un tratto è diventato azzurro.
Sì mi ha ricordato un fumetto, un racconto brevissimo letto qualche mese fa molto velocemente...ricordo che per quanto breve e veloce, quella lettura mi era piaciuta da morire, soprattutto per la delicatezza di quel racconto, spesso fatto di sole immagini, e quel colore azzurro che dal cielo di tanto in tanto invadeva tutta la scena.
Ora l'ho ripreso in meno...l'ho sfogliato...e ho letto alcune parole scritte dall'autore:
"la vicenda dei fantasmi mi riporta in mente un breve racconto di Banana Yoshimoto Moonlight shadow da cui prendo ispirazione per il finale del mio lavoro"...
...e come si fa a non sorriderci su...

Un profondo grazie a chi me lo ha fatto leggere!
So many books, so little time...

ImmagineImmagine
ImmagineImmagine
Immagine

Avatar utente
giuly
Corsaro Rosso
Messaggi: 516
Iscritto il: gio mar 27, 2003 3:20 pm
Località: Milano

Messaggio da giuly »

Tierra disse:
E' l'unico libro che ho letto della banana nipponica e credo che rimarrà unico anche se campassi cent'anni.
Ogni altro commento è superfluo.
Sottoscrivo ap-pie-no.
Immagine

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2317
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Banana Yoshimoto - Kitchen

Messaggio da Gahan »

Una scrittrice da cui mi sono tenuta alla larga per tantissimo tempo, non mi ispirava...
Qualche giorno fa ho trovato una copia di Kitchen al mercatino dell'usato e mi sono detta "perché no?", infondo sono solo 140 pagine...

Il libro mi ha lasciata abbastanza indifferente, direi senza infamia e senza lode.
Le tematiche principali (morte, perdita e elaborazione del lutto) sono trattate in modo delicato e non lasciano sprofondare il lettore nella tristezza. Il tutto è ovattato da quella particolare atmosfera giapponese sempre al limite della realtà.
Il padre di Yuichi diventato donna sembra un personaggio uscito da un romanzo di Murakami, così come gli episodi surreali del racconto Moonlight Shadow.
Sono convinta che la conoscenza della cultura manga (che non ho!) avrebbe aiutato nell'apprezzamento del libro.
Sono poi rimasta infastidita dal fatto che ovunque si parli di Kitchen come di un romanzo quando in realtà sono racconti che a me (scusate la monotonia) non piacciono e non sono mai la mia prima scelta in fatto di letture.

Rispondi