Herman Melville "Moby Dick"

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Avatar utente
ilmagodilussino
Olandese Volante
Messaggi: 2156
Iscritto il: dom nov 10, 2002 10:41 am
Località: 44°40'07.53" N 14°34'41.41" E
Contatta:

Messaggio da ilmagodilussino »

consiglio vivamente la traduzione di cesare pavese, tutt'ora insuperata e fresca, degli anni quaranta (ne gli adelphi economici)

Immagine
cicio no xe per barca
raccolto da IMDL

cent coo cent crapp
cent cuu dusent ciapp

raccolto da Piero Chiara

quelli che con una bella dormita passa tutto, anche il cancro
Beppe Viola

Avatar utente
myntjulep
Uncino
Messaggi: 111
Iscritto il: gio set 23, 2004 4:51 pm
Località: Mantova, ora Carpi
Contatta:

Messaggio da myntjulep »

Tutta una vita sulle navi fa di lui l'incontrastato signore del mare: perfetto conoscitore del popolo dei porti, ne descriver ogni angolo con disarmante perizia, tale da richiedere in chi legge un'attenzione del tutto particolare. Moby Dick è il capolavoro compiuto. In effetti, non è un libro facile, non di svago, né per chi lo interrompe spesso :roll: , ma lettura dal profilo psicologico sottilissimo e perdurante in tutta l'opera, il cui epilogo è al tempo stesso monito all'uomo e preghiera al mare.
Sono un uomo e tutto ciò che è umano mi interessa (Terenzio)


Professore associato della Università della strada
Volontario dell'Impossibile
Angelo della città

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2283
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Herman Melville "Moby Dick"

Messaggio da Gahan »

Questo libro è stato nel programma del mio gruppo di lettura nel 2009, ma all'epoca non me l'ero sentita.
Però negli ultimi 2 o 3 anni ho preso l'abitudine di approfittare delle vacanze di Natale, quando ho parecchio tempo a disposizione, per iniziare la lettura di un "classico che mi spaventa" e quest'anno mi sono sentita ispirata da questo libro.
La prima considerazione che voglio fare è che anche questo non è affatto un libro per ragazzi, come invece viene spesso classificato (avevo fatto la stessa considerazione ad esempio per I viaggi di Gulliver, L'ultimo dei Mohicani e Alice nel Paese delle Meraviglie).

Questo non è né un libro per ragazzi, né un libro di avventure. È un trattato sulla baleneria. :suspect:
C'è una storia ma il racconto è continuamente inframmezzato da capitoli che affrontano la beleneria in tutte le sue declinazioni: le classificazioni dei vari tipi di balene, la loro anatomia, i balenieri, i tipi di imbarcazione, le attività che si svolgono a bordo e i vari attrezzi da lavoro, le raffigurazioni (spesso fantasiose) delle balene, le balene nella mitologia e le balene fossili, la caccia cruenta e disumana, l'estrazione dell'olio, le consuetudini e le leggi.
È un romanzo complesso, pieno di significati simbolici, divagazioni teologiche, filosofiche e scientifiche. Un concentrato di erudizione e di esperienza concreta sul campo.
È un libro difficile da leggere perché lo stile narrativo non è quello dei nostri giorni (io ho letto la traduzione di Cesare Pavese) ed è infarcito di termini navali e marinareschi con descrizioni minuziose di parti della nave e attrezzi che non siamo abituati a vedere e che a fatica riusciamo a immaginare.
È infine un'allegoria dell'eterna lotta tra il bene e il male, lotta che
Here be spoilers
non avrà vincitore perché la balena muore e la nave affonda insieme a tutto l'equipaggio, tranne Ismaele, il narratore.
Per me è stata una lettura faticosa ma ne è valsa la pena. Negli ultimi giorni, quando ormai avevo ripreso a lavorare, era quasi bello tornare a casa e risalire a bordo della baleniera.

Rispondi