E venne chiamata due cuori di Marlo Morgan

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
LuLù Lupetta
Corsaro Nero
Messaggi: 1114
Iscritto il: mar dic 03, 2002 10:18 am
Località: Roma
Contatta:

E venne chiamata due cuori di Marlo Morgan

Messaggio da LuLù Lupetta »

Mi è arrivata questa comunicazione da un sito serio sulla cultura aborigena australiana. Leggendo il libro avevo avuto, infatti, una strana sensazione...

Il libro "Mutant Message Down Under" (E venne chiamata due cuori) di Marlo Morgan non è un racconto fondato su dei fatti e tantomeno è basato sulle sue esperienze di vita con gli aborigeni. Il libro della Morgan pretende di essere il racconto di una donna americana invitata a vivere con una tribù aborigena, a cui diede il nome di persone vere, supponendo che la tribù molto presto si sarebbe estinta. Gli aborigeni l'avrebbero invitata per la loro cultura e farla conoscere al mondo. Inizialmente il libro era stato pubblicato come un resoconto di fatti, ma gli stessi indigeni Australiani dubitavano su questo. Il libro fa delle affermazioni sulla cultura aborigena australiana mai sentite prima; ad esmpio un uomo che rivela "affari segreti di donne". Il Dumbartung Aboriginal Corporation ha fatto delle ricerche su questo libro parlando con le comunità aborigine di questa "tribù sconosciuta" del libro, chiedendo se qualcuno avesse incontrato la Morgan nei suoi viaggi al centro dell'Australia. Nessuno ha mai risposto di si. La cronaca di queste indagini sono su Internet e rivelano che tutto quello che ha scritto la Morgan sulle usanze degli aborigeni è falso. Nel 1996 una delegazione formata in maggioranza da aborigeni è andata negli Stati Uniti per esprimere il loro dolore. Una settimana dopo la Morgan ha ammesso di aver mentito e che il racconto era fasullo. Harper Collins ha ripubblicato il libro come narrativa; purtroppo la prefazione di quattro pagine non è cambiata proprio dove la Morgan afferma che tutto quello che ha scritto è autentico ed ha avuto l'approvazione degli aborigeni. Inoltre dichiara che nel 1994 è tornata in Australia per visitare la stessa tribù sconosciuta che l'avrebbe incoraggiata nella sua "missione". Burnum Burnum un aborigeno che ha lottato per i diritti degli aborigeni australiani ha fatto una dichiarazione in favore del libro, dopo aver capito di più ha perÚ ritrattato la dichiarazione che perÚ è ancora stampata nella nuova edizione del libro, ma ormai lui è morto. Questo libro sta sfruttando la cultura e ingannando il lettore: ormai è stato tradotto in tante lingue ed è diventato un bestseller in molti paesi. Per piacere aiutaci a fermare il diffondersi di bugie sulla cultura aborigena, racconta questi fatti nelle librerie e chiedi di avvisare le persone che vogliono acquistare il libro della falsità delle informazioni.. Per saperne di più vai al sito of Dumbartung Aboriginal Corporation lì è possibile trovare i posti dove hanno fatto le indagini per scoprire la verità, ed esaminare le dichiarazioni di Antropologi sulle assurdità dichiarate da questo libro.

Sito ufficiale: www.dumbartung.org.au
«Avere un libro che ti accompagna è meraviglioso, è il miglior compagno di viaggio: sta zitto quando non vuoi che parli, parla quando vuoi sentir dire qualcosa, ti dà senza chiedere. Se lei viene nella mia biblioteca li vede, i miei veri grandi amici sono lì.»
(Tiziano terzani)

Avatar utente
liberliber
amministratrice ziaRottenmeier
Messaggi: 20394
Iscritto il: mar ott 22, 2002 11:02 am
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da liberliber »

cavoli però, a me era piaciuto un sacco... :oops: :( :cry:
cmq almeno un'utilità l'ha avuta: si è parlato (e conosciuto) degli aborigeni australiani parecchio, dopo il successo di questo libro. E vista la situazione che passano, male non fa, se un po' in tutto il mondo c'è più gente attenta a quello che succede laggiù e affascinata da questo popolo. No?
Ho potuto così incontrare persone e diventarne amico e questo è molto della mia fortuna (deLuca)
Amo le persone. E' la gente che non sopporto (Schulz)
Ogni volta che la gente è d'accordo con me provo la sensazione di avere torto (Wilde)
I dream popcorn (M/a)
VERA DONNA (ABSL)
Petulante tecnofila (EM)


NON SPEDITEMI NULLA SENZA AVVISARE!
Meglio mail che mp. Grazie.

Avatar utente
alfiere
Corsaro Nero
Messaggi: 1079
Iscritto il: mar dic 24, 2002 2:23 pm
Località: Milano / Castelnovo ne' Monti (RE)
Contatta:

Re: E venne chiamata due cuori di Marlo Morgan

Messaggio da alfiere »

LuLù Lupetta ha scritto:Il libro "Mutant Message Down Under" (E venne chiamata due cuori) di Marlo Morgan non è un racconto fondato su dei fatti e tantomeno è basato sulle sue esperienze di vita con gli aborigeni. ............la Morgan ha ammesso di aver mentito e che il racconto era fasullo. ..........
Ci sono cascato come un pollo!
Però come dice Liberliber mi ha stimolato a volerne sapere di più e adesso sono in cerca dei libri di Chatwin.
Certo se avessi saputo che era un racconto di fantasia.... non sò!
Comunque è una bella storia.
Se non avessi lei, non so che cosa mi resterebbe. Anzi, si che lo so. E non mi servirebbe neanche una cassa per mettercelo dentro.

Avatar utente
LuLù Lupetta
Corsaro Nero
Messaggi: 1114
Iscritto il: mar dic 03, 2002 10:18 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da LuLù Lupetta »

Liberliber ha scritto:cavoli però, a me era piaciuto un sacco... :oops: :( :cry:
cmq almeno un'utilità l'ha avuta: si è parlato (e conosciuto) degli aborigeni australiani parecchio, dopo il successo di questo libro. E vista la situazione che passano, male non fa, se un po' in tutto il mondo c'è più gente attenta a quello che succede laggiù e affascinata da questo popolo. No?
Liber.. ehm.. anche Fede fa informazione... :shock:
Si, hanno parlato tanto della cultura aborigena dopo questo libro... ma come? E sinceramente capisco gli aborigeni che si sono anche incacchiati... :roll:

Una Lulù alquanto perplessa
«Avere un libro che ti accompagna è meraviglioso, è il miglior compagno di viaggio: sta zitto quando non vuoi che parli, parla quando vuoi sentir dire qualcosa, ti dà senza chiedere. Se lei viene nella mia biblioteca li vede, i miei veri grandi amici sono lì.»
(Tiziano terzani)

Avatar utente
Lapis
Uncino
Messaggi: 102
Iscritto il: mer feb 19, 2003 6:19 pm
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Lapis »

anche a me questo libro ha dato una sensazione fastidiosa. C'erano aspetti interessanti, anche se per me già risaputi e acquisiti, in un vcerto senso, ed altri che mi sono sembrati chiaramente inventati. Ho pensato che fosse una storia inventata e romanzata che prendeva spunto da contatti con tribù di aborigeni, ma non troppo approfonditi, oppure comunque con aspetti di cultura e filosofia assolutamente non compresi dalla mentalità dell'autrice, che restava un'americana media tipica, fino al midollo. Ma non immaginavo che potesse essersi inventata proprio TUTTO!

come romanzo totalmente di fantasia non è poi male; lo avrei apprezzato molto di più in questa veste, invece così, quando lo ho letto, mi ha dato un senso di disagio e poca autenticità.
Ho letto anche un altro romanzo suo, che non mi è piaciuto nemmeno come tale (il cielo, la terra e quel che sta in mezzo).
ora è tutto chiaro.
Antonella
non aver paura di intraprendere qualcosa di nuovo: ricorda che l'Arca è stata costruita da dilettanti, e il Titanic da professionisti!

Avatar utente
LuLù Lupetta
Corsaro Nero
Messaggi: 1114
Iscritto il: mar dic 03, 2002 10:18 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da LuLù Lupetta »

Sensazioni quasi identiche alle mie Antonella.. tra l'altro dopo aver finito il libro mi sono chiesta "si vabbè, ma che vuole questa qui?" in definitiva era di una superficialità sconvolgente... sapete cosa penso? Penso che questo libro ha avuto il successo che avuto perchè è stato scritto nel momento giusto :?

Un pò per come è accaduto con "la profezia di celestino" comparso in libreria agli inizi dell'interesse per la new age... :roll:

LuLù
«Avere un libro che ti accompagna è meraviglioso, è il miglior compagno di viaggio: sta zitto quando non vuoi che parli, parla quando vuoi sentir dire qualcosa, ti dà senza chiedere. Se lei viene nella mia biblioteca li vede, i miei veri grandi amici sono lì.»
(Tiziano terzani)

Avatar utente
Colabrodo
Pirata
Messaggi: 188
Iscritto il: lun mar 10, 2003 10:28 pm
Località: Firenze/Parigi

Peso!

Messaggio da Colabrodo »

Pesissimo! Anche a me era piaciuto un monte questo libro, figuratevi che lo volevo anche registrare sul mio bookshelf per rilasciarlo... (Solo che non l'ho fatto perché presa da rimorsi: me l'ha prestato una mia amica circa un anno fa, e se poi magari si ricordava che l'aveva dato a me...)
Cmq una delusione: un libro inventato di sana pianta e spacciato per vero... Ci sono rimasta un pò male...

Avatar utente
Xenia
Olandese Volante
Messaggi: 3796
Iscritto il: mar ott 22, 2002 10:57 am
Località: Sotto la Madonnina...
Contatta:

Re: Peso!

Messaggio da Xenia »

Colabrodo ha scritto: Cmq una delusione: un libro inventato di sana pianta e spacciato per vero... Ci sono rimasta un pò male...
sigh sigh sigh :?
e pensare che qs fu il primo libro che prelevai al mio primo meetup ad ottobre... (dalle mani di Ale, ndr). Il grave è che ancora non ho fatto in tempo a leggerlo, ma ora che mi dite così non so bene nemmeno cosa fare, se leggerlo per curiosità ma già con il totale disincanto di saperlo 'finto', oppure lasciar perdere...

uffa...
:)

take care
Accadono cose che sono come domande; passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde.
Membro del Vero Toro Club
Book-Wishlist - My Anobii Shelf
Quando penso a tutti i libri che mi restano da leggere, ho la certezza di essere ancora felice. (Jules Renard)

Avatar utente
Quinnipak
moderatrice
Messaggi: 3051
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:25 pm
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Quinnipak »

Non ci posso credere!
Quando l'ho iniziato a leggere ero piuttosto diffidente, ma poi mi sono fatta prendere, questa proprio non ci voleva! Che delusione!

Avatar utente
Matrix
Corsaro Rosso
Messaggi: 538
Iscritto il: ven feb 28, 2003 1:14 pm
Località: Roma

Messaggio da Matrix »

Il libro non l'ho ancora letto e a questo punto penso che non lo leggero' piu'.
Purtroppo anche " Le vie dei canti" di Chatwin è in buona parte frutto di invenzione letteraria, anche se estremamente poetica.
Credo che finchè un aborigeno non decida di scrivere un libro sul suo popolo non leggeremo mai qualcosa di attendibile.
Anche per perdere bisogna sapersi battere- Jean Claude Izzo

Avatar utente
LuLù Lupetta
Corsaro Nero
Messaggi: 1114
Iscritto il: mar dic 03, 2002 10:18 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da LuLù Lupetta »

Matrix ha scritto:Il libro non l'ho ancora letto e a questo punto penso che non lo leggero' piu'.
Purtroppo anche " Le vie dei canti" di Chatwin è in buona parte frutto di invenzione letteraria, anche se estremamente poetica.
Credo che finchè un aborigeno non decida di scrivere un libro sul suo popolo non leggeremo mai qualcosa di attendibile.
Premetto, non ho letto questo libro La mia Australia di Sally Morgan... ma interessandomi al libro ho scoperto che l'autrice è aborigena.
Il titolo di questo libro mi aveva sempre tenuto lontana.. a questo punto non ho remore ad andare a comprarlo!

LuLù
«Avere un libro che ti accompagna è meraviglioso, è il miglior compagno di viaggio: sta zitto quando non vuoi che parli, parla quando vuoi sentir dire qualcosa, ti dà senza chiedere. Se lei viene nella mia biblioteca li vede, i miei veri grandi amici sono lì.»
(Tiziano terzani)

Avatar utente
alfiere
Corsaro Nero
Messaggi: 1079
Iscritto il: mar dic 24, 2002 2:23 pm
Località: Milano / Castelnovo ne' Monti (RE)
Contatta:

Messaggio da alfiere »

Matrix ha scritto:...anche " Le vie dei canti" di Chatwin è in buona parte frutto di invenzione letteraria, anche se estremamente poetica...
No! Non potete smontarmi un mito dietro l'altro, anche questo una bufala?
E che c...o! Mi stavo sbattendo per procurarmelo, ora con che spirito lo cerco?

bhè lo leggerò come un libro fantasy, in fin dei conti anche "...e venne chiamata due cuori" se lo leggi come fantasy non è male!
A proposito, perchè dite che gli aborigeni ne escono male?
Perchè vengono ritratti come persone in perfetta sintonia con l'ambiente che li circonda, che non sfruttano le risorse oltre al loro reale bisogno?
Io non lo vedo un ritratto così negativo, però lo letto anni fà e temo di non ricordarlo così bene, però la sensazione che ho ripensandoci è di profonda ammirazione per il popolo aborigeno.

pace e prosperità!

bye!
Se non avessi lei, non so che cosa mi resterebbe. Anzi, si che lo so. E non mi servirebbe neanche una cassa per mettercelo dentro.

Avatar utente
LuLù Lupetta
Corsaro Nero
Messaggi: 1114
Iscritto il: mar dic 03, 2002 10:18 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da LuLù Lupetta »

alfiere ha scritto: A proposito, perchè dite che gli aborigeni ne escono male?
Perchè vengono ritratti come persone in perfetta sintonia con l'ambiente che li circonda, che non sfruttano le risorse oltre al loro reale bisogno?
Io non lo vedo un ritratto così negativo, però lo letto anni fà e temo di non ricordarlo così bene, però la sensazione che ho ripensandoci è di profonda ammirazione per il popolo aborigeno.
No, assolutamente Alfiere... non ne escono male da questo libro per quanto fai notare tu, anzi è questa loro armonia che li rende così perfettamente integrati con la loro terra... è il fatto di vedersi traditi da un libro come quello della Marlo Morgan. L'autrice poteva avvertire che quanto scriveva era pura invenzione e non tacciarlo per vero.
Anche questo è rispetto, no?
E' come se tizio scrivesse un romanzo sulla vita di mia nonna, senza ingannare la sua memoria ma inventandosela di sana pianta sostenendo però che è vera!
Tu non ti sentiresti preso un pò per i fondelli? :wink:

LuLù
«Avere un libro che ti accompagna è meraviglioso, è il miglior compagno di viaggio: sta zitto quando non vuoi che parli, parla quando vuoi sentir dire qualcosa, ti dà senza chiedere. Se lei viene nella mia biblioteca li vede, i miei veri grandi amici sono lì.»
(Tiziano terzani)

Avatar utente
alfiere
Corsaro Nero
Messaggi: 1079
Iscritto il: mar dic 24, 2002 2:23 pm
Località: Milano / Castelnovo ne' Monti (RE)
Contatta:

Messaggio da alfiere »

LuLù Lupetta ha scritto:... è il fatto di vedersi traditi da un libro come quello della Marlo Morgan. L'autrice poteva avvertire che quanto scriveva era pura invenzione e non tacciarlo per vero.
Anche questo è rispetto, no?
.........
Tu non ti sentiresti preso un pò per i fondelli?
Sì, effetivamente hai ragione.

P.s.: comunque ho modificato il commento alla mia scheda del libro...
Se non avessi lei, non so che cosa mi resterebbe. Anzi, si che lo so. E non mi servirebbe neanche una cassa per mettercelo dentro.

Avatar utente
ciucchino
Olandese Volante
Messaggi: 3660
Iscritto il: ven mar 14, 2003 9:00 pm
Località: Torino
Contatta:

Re: E venne chiamata due cuori di Marlo Morgan

Messaggio da ciucchino »

Sicuramente l'ho letto con molti pregiudizi dato che sapevo non essere una storia vera, ma al termine dopo molta fatica posso confermare i pregiudizi in un giudizio molto negativo: mi è sembrato un racconto molto strampalato e inverosimile, dove aleggia sempre una visione idilliaca e magica che non so quanto rispetti la vera vita degli aborigeni austrlaini. E' possibile che tutto sia così perfetto e meraviglioso? E' plausibile che comunichino con la telepatia e guariscano miracolosamente le fratture? Sono molto ignorante in materia, ma non credo che questo libro possa aiutarmi a comprendere gli "usi e costumi" di questa popolazione.
"I libri li rubavo. I libri non dovrebbero costare nulla, pensavo allora e penso ancora oggi".
(Pascal Mercier, "Treno di notte per Lisbona)

Immagine Immagine

Avatar utente
Allegra tartaruga
Corsaro
Messaggi: 375
Iscritto il: dom gen 30, 2011 5:17 pm
Località: Roma

Re: E venne chiamata due cuori di Marlo Morgan

Messaggio da Allegra tartaruga »

Ma che bello sentire che era tutta una bufala!! :mrgreen:
Non lo sapevo! :(
Mi prestò questo libro una persona 5/6 anni fa, dicendomi che era davvero stupendo, la storia vera di questa donna, ecc.. ecc... :suspect: .
Devo dire che non mi è piaciuto, mi ha lasciato una sgradevole sensazione. Era tutto così esagerato. :think:
Sembrava fosse piaciuto a tutti quelli che lo avevano letto, così ero di nuovo quella che aveva sempre qualcosa da criticare, ma adesso....
ah! CHE BELLO!!! :mrgreen:

GRAZIE DI CUORE (ANZI DUE CUORI)!!!!
La mia libreria
La mia lista dei desideri


NELLA VECCHIAIA CI SI PENTE SOPRATTUTTO DEI PECCATI NON COMMESSI
Immagine


La mia Associazione Culturale:
ALLEGRA TARTARUGA
Bookshelf
Rilasci
************************************************************
Immagine La tua prima donazione di 25$ è gratis!!

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2372
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: E venne chiamata due cuori di Marlo Morgan

Messaggio da Gahan »

Mi rispecchio in tutto e per tutto nei commenti che mi precedono.
Anch'io sono arrivata a questo libro grazie a una serie di recensioni positive di amici e conoscenti.
Ho cercato notizie su internet quando ormai ero ben oltre la metà del libro spinta dalla sensazione che la storia fosse poco credibile.
Non sono certo un'esperta di comunità aborigene ma il buon senso mi porta ad essere scettica in merito alle capacità di comunicare telepaticamente, di guarire una frattura esposta con la sola imposizione delle mani, le stesse capacità di sopravvivenza e adattamento della protagonista mi sono sembrate alquanto inverosimili.
Bocciato su tutta la linea.

Rispondi