Milena Gabanelli domani, 17 febbraio, all'Umanitaria

Per discutere degli incontri passati, presenti e futuri, ufficiali, ufficiosi, informali, estemporanei e/o anarchici, compresi i C^3 (ovvero i "chi c'è c'è"), in Lombardia.

Moderatori: liberliber, vanya

Rispondi
Avatar utente
Lisa
Corsaro Rosso
Messaggi: 672
Iscritto il: gio feb 13, 2003 4:47 pm
Località: Milano

Milena Gabanelli domani, 17 febbraio, all'Umanitaria

Messaggio da Lisa »

Ciao a tutti. Ecco un incontro che, soprattutto gli aspiranti giornalisti, non dovrebbero perdere.

Domani, 17 febbraio, h. 18, presso la Società Umanitaria, in via Daverio, a Milano, Milena Gabanelli spiegherà come sia possibile diventare una giornalista televisiva di successo, autrice e conduttrice di una trasmissione mandata in onda dalla Tv di Stato, rimanendo free lance, ossia indipendente.


Il titolo dell'incontro con Milena, la coraggiosa autrice di Report, è: “Senza amici e senza sponsor, manuale di magnifica sopravvivenza”. Presenta e modera Antonello Boatti, consigliere della Società Umanitaria.

Milena Gabanelli è nata a Tassara (Pc) nel 1954 e vive a Bologna dove si è laureata al DAMS con una tesi in storia del cinema. È sposata ed ha una figlia di nome Giulia. Collabora con la Rai dal 1982, quando ha iniziato a condurre programmi di attualità per le tre reti.
Nel 1991 ha introdotto in Italia il videogiornalismo lavorando da sola, con una videocamera portatile e creando così uno stile più diretto, visivo, nelle interviste e, più in generale, nel modo di condurre i programmi.
Il "metodo Gabanelli" prende piede e in seguito viene insegnato dalla stessa Milena nelle scuole di giornalismo. Nel 1989 inizia la collaborazione per la trasmissione di Giovanni Minoli Speciale Mixer. Tra i suoi primi lavori, nel 1990 la ricerca dei discendenti degli ammutinati del Bounty.
Nel 1994 Giovanni Minoli le propone di occuparsi di un programma sperimentale su Rai Due che metta in onda i servizi realizzati dai neo-videogiornalisti, Professione Reporter, che terminerà nel 1996. Il programma ha metodi produttivi particolari: usa in parte mezzi interni (per la progettazione e l'edizione del programma) e mezzi esterni (la realizzazione vera e propria delle inchieste). Gli autori sono freelance, si pagano le spese, lavorano in modo autonomo anche se sotto la supervisione di responsabili della Rai.
Dal 1997 inizia la conduzione di Report, in onda su Rai Tre, l'appuntamento periodico di informazione che in un Paese normale dovrebbe far scattere le manette ai polsi di molte persone. Il programma, che continua tuttora, si occupa dei problemi più scottanti che affliggono i cittadini in questo Paese: salute, ingiustizie sociali, inefficienze dei servizi pubblici, mancanza di prospettive per il futuro...
Il giornalismo di inchiesta appassiona Gabanelli che si documenta a trecentosessanta gradi per cercare di arrivare alla verità dei fatti, prendendo in esame anche la versione delle eventuali controparti (istituzioni pubbliche o privati), che però spesso non vogliono comparire e a volte passano alle vie legali, querelando la trasmissione.
Milena Gabanelli si è recata in varie regioni del mondo dove vi erano conflitti armati per documentare le atrocità commesse e la vita difficile dei sopravvissuti. Tra queste: le repubbliche della ex Jugoslavia, Cambogia, Vietnam, Birmania, Sudafrica, Nagorno-Karabakh (Azerbaigian), Mozambico, Somalia, Cecenia. Per le sue numerose e coraggiose inchieste ha ricevuto numerosi premi. Tra i più prestigiosi: il 40° premio Saint Vincent che le è stato assegnato dall'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2005 .

L'ingresso e la partecipazione all'incontro sono gratuiti.
Per informazioni: Società Umanitaria, tel. 02 – 5796831
Sito Internet: http://www.umanitaria.it
Ufficio Stampa, Lorenzo Zuntini, Studio Zeta.

E poi non dite che non vi informo! Ciao Lisa
:wave: :wave: :wave:
Ragazzi, vogliono spegnerci il cervello: non lasciamoglielo fare. Go on!

Rispondi