La scrittrice del mistero, Alice Basso

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
lunabluxxx
Re del Mare
Messaggi: 1353
Iscritto il: lun ago 09, 2004 11:13 pm
Località: Padova
Contatta:

La scrittrice del mistero, Alice Basso

Messaggio da lunabluxxx »

Grazie al gruppo di lettura che frequento ho scoperto quest'autrice, di cui non avevo mai letto nulla, ed è stato un piacevolissimo incontro :D
Nonostante "La scrittrice del mistero" sia il quarto romanzo con protagonista il personaggio di Vani Sarca, si è fatto leggere con grande gusto e scorrevolezza anche da me che non conosco le precedenti puntate, grazie ad una scrittura arguta e vivace, condita da molta ironia e da un tocco di ruvida dolcezza che la mantiene alla larga dalla banalità.

Vani Sarca è una trentenne colta e solitaria che ama vestirsi di nero e fa la ghostwriter presso una casa editrice, ossia scrive libri per conto di terzi che non hanno il tempo o le capacità per farlo. Silvana detta Vani, invece, ha la dote di riuscire benissimo ad immedesimarsi nelle altre persone, al punto da riuscire perfettamente a calarsi nello stile di ciascuno.
Proprio questa sua capacità di "leggere" gli altri l'ha portata a collaborare in alcuni indagini della polizia, in particolare con il commissario Romeo Berganza, con il quale dopo varie schermaglie sta iniziando una vera storia d'amore.
Qualcuno però sta minacciando di morte Riccardo, che oltre ad essere un affascinante scrittore della sua stessa casa editrice è anche l'ex fidanzato di Vani: per questo il commissario Berganza e Vani vengono chiamati ad indagare sulla vicenda.

La vicenda è intrigante e caratterizzata da un buon ritmo, anche se a volte indugia un po' troppo nelle vicende private a discapito dell'indagine. Tutti i personaggi e le dinamiche interpersonali sono rese in maniera credibile, immediata ed ironica: per la loro caratterizzazione mi sono piaciute in particolare Lara, la sorella frivola di Vani (memorabile la vicenda legata all'anello di fidanzamento:-), e Morgana, la vicina adolescente per cui Vani è un idolo.
Ma quello che ho apprezzato di più è il linguaggio di Vani: preciso, sarcastico, condito a volte da citazioni letterarie ed altre da originali scurrilità...il risultato è davvero divertente!
Dalla tua testa dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te...
(N. Hikmet)

Sono lunabluxxx anche su aNobii

Avatar utente
francesina
Olandese Volante
Messaggi: 2272
Iscritto il: gio apr 05, 2007 2:19 pm
Località: Padova

Re: La scrittrice del mistero, Alice Basso

Messaggio da francesina »

Mi aggancio a questo post per recensire i tre libri precedenti a quello di questo thread.
Mi riferisco quindi a:

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome
Scrivere è un mestiere pericoloso
Non ditelo allo scrittore

Non scrivo recensioni singole perché non trovo vi sia materia per farlo ed ha più senso parlare della serie in generale. Mi ritrovo del tutto in quanto scritto da Lunabluxxx in merito all’assoluta piacevolezza del testo, sia per la trama che per lo stile della Basso: non sono certamente capolavori, ma sono stati scritti per divertire e lo fanno bene. I primi tre volumi fanno fare al lettore la conoscenza di Vani Sarca, trentenne dallo stile dark, colta ed asociale, ghostwriter di professione e poi consulente per la polizia grazie alla sua incredibile capacità di entrare nella mente degli altri e notare dettagli che le permettono di capire della vita delle persone molto più di quanto queste non vorrebbero. Intorno a lei una serie di personaggi che ritornano e che rappresentano l’asse della trama che attraversa i vari volumi; in ogni singolo testo poi, è affrontato un piccolo “giallo” che sarà proprio Vani a risolvere. Trovo che la Basso abbia il dono di un uso sapiente della lingua, anche nella resa non volgare di certe espressioni non propriamente eleganti: leggerei volentieri qualcosa di suo più “serio”.
Nous habiterons une maison sans murs, de sorte que partout où nous irons ce sera chez nous- J.Safran Foer, Extrêmement fort et incroyablement près

E finalmente lui pronunciò le due semplicissime parole che nemmeno una montagna di arte e ideali scadenti potrà mai screditare del tutto. I. McEwan, Espiazione

Sempre Francesina, anche su Anobii

Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5252
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Re: La scrittrice del mistero, Alice Basso

Messaggio da lisolachenonce »

Aggiungo a questo già scritto sopra, e su cui concordo, che ogni libro di questa serie è dedicato ad un genere letterario, come ha confermato l'autrice alla presentazione dell'ultimo volume della serie, Un caso speciale per la ghostwriter, dedicato alla letteratura per ragazzi.
Quindi c'è un'ulteriore chiave di lettura per questa serie, che è anche il motivo per cui non sono possibili altre "puntate".
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING

Rispondi