Cambiare l'acqua ai fiori - V. Perrin

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
francesina
Olandese Volante
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio apr 05, 2007 2:19 pm
Località: Padova

Cambiare l'acqua ai fiori - V. Perrin

Messaggio da francesina »

Non so più da quante settimane questo libro sia nella classifica dei libri più venduti: a forza di vederlo ovunque e sentito consigliare da chiunque ho voluto togliermi la curiosità e farmene un’opinione personale.
Inizio con il dire che a mio parere non è il capolavoro al quale tutti sembrano gridare e spero di non passare per snob asserendo che è il classico libro che può piacere molto a chi legge poco.
Non vorrei essere troppo aspra perché il mio giudizio non è del tutto negativo, ma a lettura conclusa posso dire che l’atmosfera complessiva del libro non mi ha convinta.
Sicuramente è un romanzo ben costruito nei vari piani temporali che si intrecciano e nelle varie storie che procedono parallelamente per poi fondersi e motivarsi vicendevolmente; insolita è anche la scelta della protagonista e sapiente l’inserimento del filone “giallo” in un libro che sembrava afferire ad un genere ben diverso.
La protagonista è Violette, la guardiana di un cimitero in Borgogna: è una figura insolita con il suo carattere enigmatico e il suo portamento distinto, il suo giardino fiorito che esplode di vita in un luogo che è piuttosto dedicato alla morte. Avanzando nella storia il lettore scoprirà il passato di Violette e quello dei personaggi che progressivamente entrano nella sua vita.
Riconosco al romanzo il pregio di tenere alta l’attenzione malgrado le quasi 500 pagine ed anche se la vicenda delle due coppie su due piani temporali ha un che di già visto (penso a Possessione della Byatt, per esempio) si caratterizza per una trama abbastanza originale. Ciò che meno ho apprezzato è –temo- quello che molti lettori hanno invece particolarmente amato nel testo, quanto meno in base alle recensioni che ho letto: il personaggio di Sasha –caricaturale- e i dialoghi forzati tra Julien e Violette e tra Paul e Irène.
Una lettura distensiva, ma visto il tema forse non adatto a tutti i momenti. :|
Nous habiterons une maison sans murs, de sorte que partout où nous irons ce sera chez nous- J.Safran Foer, Extrêmement fort et incroyablement près

E finalmente lui pronunciò le due semplicissime parole che nemmeno una montagna di arte e ideali scadenti potrà mai screditare del tutto. I. McEwan, Espiazione

Sempre Francesina, anche su Anobii

Avatar utente
lisolachenonce
Olandese Volante
Messaggi: 5395
Iscritto il: lun mar 03, 2003 4:46 pm
Località: Pisa
Contatta:

Re: Cambiare l'acqua ai fiori - V. Perrin

Messaggio da lisolachenonce »

FInalmente una recensione che mi rispecchia :-)
Amai la verità che giace al fondo, quasi un sogno obliato (U.Saba)
Piove sui panni stesi
perché niente va mai come dovrebbe...(Kegiz)
Nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur.(Sallustio)
La pagina FB di Bookcrossing-Pisa
Al 9 Marzo 2010 ho rilasciato 542 libri
LE MIE ETICHETTE E I MIEI RING
Su anobii sono lisolachenoncè

Avatar utente
lunabluxxx
Re del Mare
Messaggi: 1379
Iscritto il: lun ago 09, 2004 11:13 pm
Località: Padova
Contatta:

Re: Cambiare l'acqua ai fiori - V. Perrin

Messaggio da lunabluxxx »

francesina ha scritto:
lun ott 05, 2020 4:44 pm

Ciò che meno ho apprezzato è –temo- quello che molti lettori hanno invece particolarmente amato nel testo, quanto meno in base alle recensioni che ho letto: il personaggio di Sasha –caricaturale- e i dialoghi forzati tra Julien e Violette e tra Paul e Irène.
Una lettura distensiva, ma visto il tema forse non adatto a tutti i momenti. :|
Anch'io ho finito di leggere questo libro da pochi giorni, e mi sento di concordare sul fatto che alcuni personaggi (ad esempio, Elvis) risultino forse troppo caricaturali e che sia per lo meno improbabile che una donna continui a dare del lei all'uomo con cui ha una relazione da decenni :shock:
Però devo ammettere che a me questo romanzo è piaciuto molto, soprattutto per l'approfondimento dei personaggi principali e dei loro rapporti e per l'atmosfera generale, triste è vero, ma molto delicata e capace di farmi riflettere ma anche sorridere a tratti, tanto che mi è quasi dispiaciuto arrivare alla fine!
Dalla tua testa dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te...
(N. Hikmet)

Sono lunabluxxx anche su aNobii

Rispondi