Il castello dei destini incrociati, Italo Calvino

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2318
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Il castello dei destini incrociati, Italo Calvino

Messaggio da Gahan »

"In mezzo a un fitto bosco, un castello dava rifugio a tutti coloro che la notte aveva sorpreso in viaggio: cavalieri e dame, cortei reali e semplici viandanti. "

Inizia così "Il castello dei destini incrociati".
Il narratore ben presto si rende conto che le persone all'interno del castello non possono parlare e che egli stesso è diventato muto.
L'unico modo per comunicare è un mazzo visconteo di tarocchi.
Attraverso le immagini raffigurate sulle carte, i personaggi cercano di raccontare le loro storie.
La stessa cosa accade nella seconda parte del libro, La taverna dei destini incrociati, ma questa volta i tarocchi sono quelli di Marsiglia.

L'idea era molto intrigante, ma il risultato è un'accozzaglia di storie contorte e confuse che ho fatto fatica a seguire.
Avevo aspettative altissime, ma sono rimasta delusa.

Rispondi