dialetti

Se volete parlare seriamente di qualcosa che non è presente in nessuna delle altre aree e/o volete dare un annuncio generale a tutti per una cosa importante, questa è l'area appropriata.

Moderatori: liberliber, -gioRgio-, vanya

Avatar utente
shandy
Olandese Volante
Messaggi: 4235
Iscritto il: lun nov 04, 2002 2:17 pm
Località: Busana capoluogo della provincia di Mirtillo Calabro nei giorni pari (JK) - Regno delle due Maniglie
Contatta:

dialetti

Messaggio da shandy »

i dialetti sono un elemento di ricchezza della nostra cultura che, ahimé, si sta perdendo...voi parlate il dialetto delle vostre zone? o almeno, lo capite?
regalateci qualche perla di saggezza nel vostro dialetto! :D

io non so parlare né il reggiano né il genovese, ma mi sto organizzando per scrivervi qualcosa di carino! :wink:
42
Watch Out, There's a Toblerona About.
A revolution is the solution.

Avatar utente
invisigot
Olandese Volante
Messaggi: 2336
Iscritto il: gio gen 16, 2003 10:06 pm
Località: Augusta Taurinorum
Contatta:

Messaggio da invisigot »

beh x il piemontese chiedere a chi ha assistito ai dialoghi in torinese tra me e zazie

chi sarà sabato a torino avrà occasione di sentire un bell'accento barese verace... :wink:
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
Diana
Uncino
Messaggi: 113
Iscritto il: mar giu 10, 2003 11:28 pm
Località: modena
Contatta:

Messaggio da Diana »

L'òmm al bar a la dmèndga

Da quand al mònd l'è mònd
"al bar" l'è semper stèe sòl dl'omm.
Al si è fàt i sò bèe pasatèimp
anch perchè al g'ha sèmper avùu più tèimp.

A la festa l'è là anch prìmma ed dò òr
tutt bèl cuntèint e vistì d'nòv,
al s'èera alvè circa a unds'or
a la nòt l'era pòo stèe a sò mòt!

Al làsa la càmbra in cunfusiòun,
al vòl pròunt la sò casiòun
e dop èsres fatt tùtt bèl
al s'mètt a sèder a lèser al giornèl.

La muièra, l'è po' là ch'la sgòba
a lavèer tùta ch'la roba,
opure, l'è a fèr da disnèr
perchè a gh'è anch da magnèr!

E quand a gh'è tùtt pròunt
al riva ch'al pèr al padròun
e s'a gh'manca quèl in sèma a la tèvla
al gh'dis; quand te lavòr dròva la testa.

Lèe, l'ha già cumincèe a desparcèr
che "lò" l'è incàra adèe a magnèr,
dop al va a guardèr la televiosiòun
bèl destes a fèr la disgestiòun
e s'la gh'è dmanda quèl
"lò" al gh'è strìns al spàli
el'è bòun anch'ed diregh:
-tes, mo, te me bèle ròtt al bali-.

Al và po' al bar a fèr al discusiòun;
s'acòrr al dìs che ch'al doni al gh'han ragiòun
e ch'l'è d'acòrdi cun l'emancipasiòun.

An s'lùstra gnanch al sò scherpi
par paura ed ciapèr dal caiòun.
I n'ìin mìnga tutt'acsè;
però a gh'nè dimòndi d'quìi lè.

Argia Montorsi, "Poesie in dialetto carpigiano"
(Emilia Romagna, Modena)
traduzione:

l'uomo al bar alla domenica

Da quando il mondo è mondo
"il bar" è sempre stato dell'uomo.
Se li è fatti i suoi bei passatempi,
anche perchè ha sempre avuto più tempo.

Alla festa è là anche prima delle due
tutto bel contento e vestito di nuovo,
si era alzato circa alle undici,
e la notte era stato per conto suo!

Lascia la camera in confusione,
vuol pronta la sua colazione
e dopo essersi fatto tutto bello
si mette a sedere a leggere il giornale.

La moglie, intanto, è là che sgobba
a lavare tutta quella roba,
oppure, è a far il pranzo
perchè bisogna anche mangiare.

E quando c'è tutto pronto,
arriva che sembra il padrone
e se manca qualcosa sulla tavola
le dice: quando lavori, usa la testa.

Lei ha già cominciato a sparecchiare
che "lui" sta ancora mangiando,
dopo va a guardare la televisione
ben disteso a fare la digestione

e se lei gli domanda qualche cosa,
"lui" alza le spalle
ed è anche capace di dirle:
taci, che mi hai bell'e rotto le palle.

Va poi al bar a fare i discorsi
dirà che le donne hanno ragione
e che è d'accordo con l'emancipazione.

Non si lucida neanche le sue scarpe
per paura di prendere del coglione.
Non sono proprio tutti così,
però ce ne sono tanti di quelli lì.

Argia Montorsi

Avatar utente
Diana
Uncino
Messaggi: 113
Iscritto il: mar giu 10, 2003 11:28 pm
Località: modena
Contatta:

Messaggio da Diana »

questa è un po' più allegra.... carinissima!

L'amor l'han gh'ha etèe


L'era 'na dunlèina precisèina,
magrèina e un po' rusèina.
Mòrt al marè e l'ùnich fiòl
a gh'è restèe la nòra e l'anvòo
e per an fèr tabt tribulèr
l'ha preferii fères ricoverèr
in'na cà sòl per ansàn
per pasèr in pès i sò ultm'àn.

Ma sèinsa vlèr, un bel dè,
a gh'a culpii un d'chi vcìn lè.
L'èra un bel òmm interesànt
ch'al s'distinguiva da tùtt quant,
l'alzìva sempèr al giornèl
chè tùtt i gh'è dmandèven quèl.

Subìtt lou al l'avìva capìda
che lèe, la s'ghèra un po' tachèda
e un dè, chi erèn da per lòr
propria dentèr l'asensòr,
ma i èren tant da svèin
ch'à gh'è scapèe un basèin!
E po', quand i han psùu
al basèin i l'han ripetùu.

Pasèe dal tèimp, un bel dè,
a ni ha mo vist un d'quì lè.
Apriti cielo, l'à avèsni mai fàt
a l'ha imparèe anch al gàt!
Gnanch quand in mòr un quelch'dòun
i fan tanta confusiòun!

Chè, a finiss la storia, in veritèe,
ed 'na vcìin d'na sèrt etèe,
e sicòme al còr al n'invècia mai
la s'è catèda un po' ind i guai:
tùta colpa ed chi braghèr
ch'in n'in mai bòun ed tasèr!
L'amore non ha età

Era una donnina precisina
magrolina e un po' rossiccia.
Morto il marito e l'unico figlio
le erano rimasti la nuora e il nipote
e per non dover stare a disturbare
ha preferito farsi ricoverare
in una casa solo per anziani
per passare in pace i suoi ultimi anni.

Ma senza volere, un bel dì,
la colpì uno di quei vecchini lì.
Era un bell'uomo interessante
che si distingueva da tutti quanti,
leggeva sempre il giornale
e tutti gli domandavano sempre qualcosa.

Subito, lui, lo aveva capito
che lei gli si era un po' attaccata
e un dì, che erano soli
proprio dentro all'ascensore,
ma erano tanto vicini
che c'è scappato un bacino!
E poi, quando hanno potuto,
il bacino l'hanno ripetuto.

Passato del tempo, un bel dì
non li ha visti uno di quelli lì?
Apriti cielo, non l'avessero mai fatto
l'ha imparato anche il gatto!
Neanche quando muore qualcuno
fanno tanta confusione!

Qui finisce la storia in verità,
di una vecchina di una certa età
e siccome il cuore non invecchia mai
si è trovata un po' nei guai;
tutta colpa di quei bragheri (impiccioni)
che non sono mai capaci di tacere!

Argia Montorsi

Avatar utente
Santex
Corsaro Rosso
Messaggi: 554
Iscritto il: gio apr 03, 2003 12:18 pm
Località: Pesaro/Pisa(di nuovo..)
Contatta:

Messaggio da Santex »

QUEL CHE FÂI ARTRÒVI, CHI EN FA EN SBÀIA, QUEL CH’ E’ FAT E’ FAT, CHI HA FAT HA FAT, CHI EN HA FAT S’ARANGIA

trad:
quello che fai ritrovi, chi non fa non sbaglia, quel che è fatto è fatto, chi ha fatto ha fatto e chi non ha fatto s'arrangia
"Fratelli miei, non ci hanno vinti. Siamo ancora liberi di solcare il mare" Q
"La poesia è una lunga esitazione fra senso e suono"(Apollinaire)
Santex

Avatar utente
venere
Corsaro
Messaggi: 459
Iscritto il: lun apr 07, 2003 3:29 pm
Località: Treviso

Messaggio da venere »

Veneziani gran signori, padovani gran dotori, visentini magna gati, veronesi tuti mati, trevisani pan e tripe, rovigoti baco e pipe...

Veneti?! Purtroppo :cry: non ce ne sono molti su questo forum!!!!!!!!
:wink: :wink:

venere

Avatar utente
agnul
Dittatore (dello stato libero di Bananas)
Messaggi: 1758
Iscritto il: lun mar 24, 2003 4:37 pm
Località: Tolmezzo, Milano o qualunque punto nel mezzo.
Contatta:

Messaggio da agnul »

Qualche perla di friulano, oltre alle cretinate in "Vero cane" :D

:arrow: Pense prime par no pentìti dopo. Pensa prima per non pentirti dopo
:arrow: Par fâ bisugne scomenzâ. Per fare bisogna cominciare
:arrow: Cui ch’al à buine voe di lavorâ al è plui siôr di cui ch’al à sîs cjamps di arâ. Chi ha voglia di lavorare e' piu' signore di chi ha sei campi da arare
:arrow: Nissun al à tant cefâ come il bon a nùie. Nessuno ha tanto da fare come il buono a nulla
:arrow: Una ridade gjave un claut da casse. Una risata toglie un chiodo dalla cassa (da morto...)
:arrow: Il cjàn nol mene la code dibànt. Il cane (VERO ? :D) non agita la coda per niente.
:arrow: La cjase dai contèns 'a è anciemò di fâ. La casa dei contenti e' ancora da costruire.

Trovati su google, vale lo stesso ? :D Conosco la lingua, ma la mia "educazione" non e' stata molto friulana. Se vi va' date un occhiata anche a pengio.com
Do not feed the trolls.

Avatar utente
Lisa
Corsaro Rosso
Messaggi: 672
Iscritto il: gio feb 13, 2003 4:47 pm
Località: Milano

Dialetti

Messaggio da Lisa »

Nella provincia bergamasca, soprattutto nei paesi delle valli orobiche, tutti, ma proprio tutti (tranne il parroco, il dottore e forse il farmacista) parlano in dialetto. L'italiano, tollerato solo dai turisti e dai forestieri di passaggio, quando è parlato dai locali è considerato un modo per darsi arie. Quest'abitudine, che non ha niente a che vedere con la Lega, deriva da un forte legame con la terra e con le tradizioni di chi per secoli è stato costretto a emigrare per sopravvivere. Questo legame è così tenace e fiero che continua a mantenersi saldo resistendo alle lusinghe dell'esterofilia, soprattutto anglosassane. Come tutti sanno, si tratta di un dialetto molto difficile da capire. Quello strettissimo e gutturale parlato nei dei paesi più a nord, è impenetrabile e neppure io, bergamasca, lo capisco. Giusto per darvi un'idea della difficoltà, provate un po' a tradurre questa frase:
"I a ü a et i ae"
Il primo (non bergamasco e per favore non barate!) che invia la soluzione vince un libro.
Ve salüde touch Lisa
:lol: 8-) :roll:
Ragazzi, vogliono spegnerci il cervello: non lasciamoglielo fare. Go on!

Avatar utente
keoma
Olandese Volante
Messaggi: 4137
Iscritto il: gio feb 27, 2003 1:43 pm
Località: Bratislava
Contatta:

Messaggio da keoma »

Saggezza popolare (milanese, ma non solo...)

La  differensa fra i mùtand d'una volta e quei mudern:
quei d'una volta  bisugnava spustai per vardà i ciap.
Ades bisugna slargà i ciap per vardà i mutand.


nn credo abbia bisogno di traduzione... :wink:
Ti amo, ogni anno di più. Non so fin dove potrò arrivare, ma spero che il mio cuore resista (R. Vecchioni)
Tutti vogliono il nostro bene. Non facciamocelo portar via (cit.)

Immagine Immagine Immagine Immagine

human
Corsaro Verde
Messaggi: 788
Iscritto il: lun mag 26, 2003 6:37 pm

Messaggio da human »

keoma vergognati tu, adesso. :wink:

Avatar utente
silviazza
Olandese Volante
Messaggi: 6150
Iscritto il: mer feb 12, 2003 11:05 am
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da silviazza »

:arrow: Viva là e po' bon (intraducibile;grosso modo si intende che una cosa va come capita e va bene così) ...che la vadi ben,che la vadi mal,sempre allegri mai pasion,viva là e po' bon...
:arrow: Contadin più mona patate più grosse (l'incapace ha sempre migliori risultati)
:arrow: Ciacole no fa fritole (circa come "tra il dire e il fare...")
:arrow: Amor xè amor e no minestra de fasoi
:arrow: E daghe la bora che e vien e che va,che disi che el mondo se ga ribaltà... (da "el tram de Opcina")

.......... cavolo mi hai messo in crisi!!!
Mediterò profondamente su questo 3D

Ah sì,io parlo praticamente sempre triestino! :)
(xò noto che gli adolescenti parlano sempre più italiano...non va bene!)
Ultima modifica di silviazza il mer giu 25, 2003 2:42 pm, modificato 1 volta in totale.
** Il vero scrittore non mette mai tutto nel suo libro; il meglio del suo lavoro si compie nell'anima dei lettori. (Rondelet) **

Avatar utente
PenelopePitstop
Corsaro Rosso
Messaggi: 613
Iscritto il: mar mar 11, 2003 1:52 pm
Località: Melzo MI
Contatta:

Messaggio da PenelopePitstop »

Negli anni '40 a Milano dal dialetto si poteva persino capire da quale zona della città provenissero le persone (Ti te see de porta Cicca..)

Ancora adesso a Milano...
:arrow: ci sono le donne 'sci veghen e le donne tenissela ti (le donne "avercene" e le donne "tientela tu")
:arrow: offelee fa il to mestee - pasticciere fa il tuo lavoro (sottinteso: e non occuparti di cose che non sai fare)
:arrow: stè voeret faa, fioui e tusann, o massai o mantegnii... (cosa vuoi fare i figli e le figli, o li ammazzi o li mantieni ...)
:arrow: ci sono i classici "due oev coett in suel foegh" (che è il vero test di pronuncia milanese :wink: )

Mi rendo conto che la trascrizione è "difficilerrima" tra l'altro da qualche parte sono anche codificate delle regole....cercherò il link :D

Cat
Ultima modifica di PenelopePitstop il mer giu 25, 2003 12:29 pm, modificato 1 volta in totale.
Des trefflichen Wortes
treffliche Würze lieget in Wahrheit, Klarheit und Kürze.

Wikipedia, l'enciclopedia libera: http://it.wikipedia.org

Avatar utente
Marcello Basie
moderatore
Messaggi: 2221
Iscritto il: lun nov 04, 2002 10:32 am
Località: Massy
Contatta:

Messaggio da Marcello Basie »

Ofelee non e' una specie di prestinee? :)
(Prestinee = Panettiere)

A+

Marcello
Stai sveglio, non abbandonarti ai sogni. Quando scegli non devi sognare, sei tu il responsabile. (Vittorio Foa)

Avatar utente
PenelopePitstop
Corsaro Rosso
Messaggi: 613
Iscritto il: mar mar 11, 2003 1:52 pm
Località: Melzo MI
Contatta:

Messaggio da PenelopePitstop »

Chiedo venia...offelee è il pasticciere, vista l'ora e la maggior passione per il salame che per i dolci ho fatto un po' di confusione.... :wink:

...d'altronde si dice anche "stomegh voeuj, cervell slavàa" :D


Cat (che a chel'ura chi l'ha ga na voeja de magnass pan e salam....)
Des trefflichen Wortes
treffliche Würze lieget in Wahrheit, Klarheit und Kürze.

Wikipedia, l'enciclopedia libera: http://it.wikipedia.org

Avatar utente
liberliber
amministratrice ziaRottenmeier
Messaggi: 20386
Iscritto il: mar ott 22, 2002 11:02 am
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da liberliber »

ragazzi che magone... a Natale a casa mia era tradizione che mio nonno leggesse una poesia del Porta. Le più gettonate da noi bambini (che essendo Natale avevano il potere decisorio assoluto) erano: La nomina del cappellan e La preghiera (indimenticabile poi la traduzione che fece della Divina Commedia in milanese). Me l'ero pure portato alla maturità.
Nessuno ha poi osato raccogliere il testimone e proseguire la tradizione. Però il milanese lo capisco, lo leggo e (un po') lo parlo :)
Ho potuto così incontrare persone e diventarne amico e questo è molto della mia fortuna (deLuca)
Amo le persone. E' la gente che non sopporto (Schulz)
Ogni volta che la gente è d'accordo con me provo la sensazione di avere torto (Wilde)
I dream popcorn (M/a)
VERA DONNA (ABSL)
Petulante tecnofila (EM)


NON SPEDITEMI NULLA SENZA AVVISARE!
Meglio mail che mp. Grazie.

Avatar utente
Tanelorn
Olandese Volante
Messaggi: 5092
Iscritto il: lun nov 04, 2002 8:32 pm
Località: Bologna/Rimini
Contatta:

Messaggio da Tanelorn »

Ehm, io non so bene il dialetto, e la maggior parte delle cose che conosco sono le peggio imprecazioni (diciamo che nella mia zona quelli che parlano il dialetto sono solo gli anziani, e non sono proprio "fini")... La maggior parte del mio "sapere" percio' non la posso riportare, ma vi lascio due detti molto popolari dalle mie parti:
"La piadina se parsciut l'ai pis un po' ma tot"
"E pel ros chi ne prova e ne 'cnoss"
"And there's so many many thoughts
when I try to go to sleep
but with you I start to feel
a sort of temporary peace..." (D. Cavanagh)

Avatar utente
fildel
Corsaro
Messaggi: 483
Iscritto il: dom feb 09, 2003 2:59 pm
Località: Silvi
Contatta:

Lezioni di silvarolo scritto

Messaggio da fildel »

-Core cundende, pisaccia 'ngolle (trad.: cuore contento e bisaccia sulle spalle. Nel senso: beato te, che non capisci niente)
-La gnuranz' fa bbon' a lu cor' e a la panz'
-Ddaje e ddaje, la cipoll' duvende l'aje
-Li bardisce, o si (ti) scungache o si (ti) scumpisce
-Sa cchiù lu patute chi lu sapute (conosce più l'esperto, di chi ha studiato)
-La mala jerva non si scterpio mai ,diceva mio nonno
-Li schirne arvà all'ort' (non so da dove venga, forse da un bisticcio tra "scherni" e "asparagi")
-Ni dà magnà di pasct' e faciul'... (ai presuntuosi)

seconda tornata

-Ucchji trisct' / nnuminat' e visct' (occhi tristi, nominati e -subito- visti. Non si è finito di prevedere una disgrazia, quand'ecco che accade)
-L'art' 'r't'tat' è mezz'ambarat' (L'arte ereditata -di solito si intende quella disonesta- è mezza imparata. Il fatalismo dell'ereditarietà e le male intenzioni.)
-Nu patr' camb' cend' fije e cend' fije nin camb' nu patr' (no comment. Anzi, oss.: fije non è femminile)
-Ha fatt' la terr' pi li cice (è spirato)
-Vu tiné' la scarpa ond' e la ssogna san' (analogo alla botte piena e moglie ubriaca)
-Ucchij bbjingh' e pil' rusc' / nn' alluggià si nn' c'nusc' (oochi bianchi e pelo rosso / non accoglierlo se non lo conosci -chissà da dove viene, questo detto-)

una filastrocca:
Li miricule di la fratte
quand'è bbune quand'è fatte.
Quand' s'ha fatte l'uv' e li ficure,
sctiaff't' 'ngul' li miricul'!
traduzione a richiesta




more coming soon
Ultima modifica di fildel il sab giu 28, 2003 4:07 pm, modificato 4 volte in totale.

Poisson d'Avril (April Fish) - EP5010053

Avatar utente
Lapis
Uncino
Messaggi: 102
Iscritto il: mer feb 19, 2003 6:19 pm
Località: Roma
Contatta:

propongo un gioco sui proverbi

Messaggio da Lapis »

mi fate venire voglia di fare un gioco multiglottico (si può dire??? :shock: )

uno propone un proverbio in un dialetto, altri devono trovare il proverbio corrispondente (=che ha lo stesso senso) in un altro dialetto.

ne propongo intanto due - romani romani doc:

- morto 'n Papa, se ne fà n'antro
- ammazza ammazza, so' tutti de 'na razza

se serve traduzione o spiegazione del significato, fate un fischio :)

ciao e ben ritrovati
lapis
non aver paura di intraprendere qualcosa di nuovo: ricorda che l'Arca è stata costruita da dilettanti, e il Titanic da professionisti!

Avatar utente
rainbow83
Re del Mare
Messaggi: 1414
Iscritto il: gio feb 27, 2003 6:04 pm
Località: Parma
Contatta:

Messaggio da rainbow83 »

-Calsoler m'ataca 'n tac?
-Mi ch' atac i tac a tì? Ma 'taca da ti i to tac...

penso che sia un calssico, tradotto in diversi dialetti...
Cmq io il dialetto lo capisco abbastanza bene,lo leggo e lo parlo pochino e solo perché i nonni materni lo parlano in casa, mentre l'altra parte della famiglia è romana (quindi capisco anche un po' di quello, ma non lo parlo per niente..).
Poi adesso faccio l'università e vengono quasi tutti da fuori Parma, e ci sono problemi a capirsi già in itlaiano, figurati se parlassimo tutti ognuno il suo dialetto..
Levate l'ancora, dritta, avanti tutta. Questa è la rotta. Questa è la direzione. Questa è la decisione- La linea d'ombra. Jovanotti

"...and the darkness inside you / can make me feel so small / but I see your true colors / shining through / I see you true colors / and that's why I love you / so don't be afraid to let them show / your true colors / true colors / are beautiful like a rainbow "

My wishlist

Avatar utente
Diana
Uncino
Messaggi: 113
Iscritto il: mar giu 10, 2003 11:28 pm
Località: modena
Contatta:

Messaggio da Diana »

dialogo fra due calzolai

ti ke te tàket i tak, tàkum i tak.
Mi, takàt i tàk a ti, ke tàket i tak?
Tàketi ti, i tò tak!

(tu che attacchi i tacchi, attaccami i tacchi! Io, attaccare i tacchi a te che attacchi i tacchi? Attaccateli tu i tuoi tacchi!)

Rispondi