[Bookwatching] Libri in metro

Se volete parlare seriamente di qualcosa che non è presente in nessuna delle altre aree e/o volete dare un annuncio generale a tutti per una cosa importante, questa è l'area appropriata.

Moderatori: liberliber, -gioRgio-, vanya

Rispondi
Avatar utente
Éowyn
Olandese Volante
Messaggi: 7995
Iscritto il: mer gen 02, 2008 6:30 pm
Località: Prata di Pordenone
Contatta:

[Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da Éowyn »

Gli alert di Google mi hanno fatto conoscere un blog interessante: http://librimetro.wordpress.com/ (e l'ultimo post riporta un libro che sono interessata a leggere, Il campo di nessuno, Daniel Picouly - curiosa coincidenza).

Ma la cosa più importante è l'intervista fatta da 06blog, un blog sulla vita romana. Nel link tutt al'intervista, qui un estratto:
Il bookwatching rispetto al bookcrossing oscilla maggiormente verso il vouerismo intellettuale? O è solo curiosità, analisi del prossimo, studio delle tendenze… Dimmi tu
Bookwatching e bookcrossing nella nostra visione sono vicini. Uno dei progetti è infatti quello di portate il bookcrossing all’interno delle metropolitane di Roma e Milano. Abbiamo già avuto degli incontri con le istituzioni in tal senso…Ma le cose sembrano andare per le lunghe…Alla fine pensiamo che ci auto-organizzeremo per delle iniziative spontanee di “Bookcrossing by Libri in metro”.

Roma e la metro (prima di Milano!). Non è un paradosso? Siamo onesti, Roma è la città più lontana dal concetto di underground (in senso letterale) culturale, o è un preconcetto?
Roma è una città complessa sotto tutti i punti di vista, e anche la sua metropolitana lo è. Il suo underground culturale è difficile da sviscerare ma esiste, chiunque abbiamo abitato a Roma per qualche periodo non può che non accorgersene e respirarlo.

Da questo punto di vista, potete sfatare un mito? I romani (gli italiani) leggono?
Assolutamente sì, e si potrebbe fare ancora di più per facilitare la lettura sfruttando proprio le linee metropolitane. Per esempio a Madrid sono state aperte delle succursali delle biblioteche nelle stazioni della metropolitana. Non è un’idea geniale? Invece a Shanghai c’è un pulmino delle biblioteche che sosta fuori della stazioni principali delle metro. Nelle città moderne i ritmi sono affrettati e le persone hanno poco tempo. Facilitare la vita ai cittadini portando le biblioteche vicino ai luoghi di maggiore frequentazioni come le stazioni della metro sarebbe un vantaggio per tutti.
In bc.com sono italianeowyn

Avatar utente
lilacwhisper
moderatrice
Messaggi: 4444
Iscritto il: mer giu 25, 2008 7:09 pm
Località: Piacenza
Contatta:

Re: [Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da lilacwhisper »

Quindi ora esiste la versione italiana di CoverSpy :think:

Avatar utente
Nereia
Re del Mare
Messaggi: 1356
Iscritto il: gio gen 06, 2005 12:50 pm
Località: Roma
Contatta:

Re: [Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da Nereia »

Éowyn ha scritto:Roma e la metro (prima di Milano!). Non è un paradosso? Siamo onesti, Roma è la città più lontana dal concetto di underground (in senso letterale) culturale, o è un preconcetto?
e ancora
I romani (gli italiani) leggono?
Chi ha fatto le domande si credeva simpatico forse. Io abito a Roma da 12 anni. E da 12 anni incontro persone sui mezzi che leggono. Soprattutto in metro. :|

Ad ogni modo, il blog lo conosco da diverso tempo e mi piace davvero tantissimo. Offre molti spunti per future letture. :D
..."Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati"... (Bertolt Brecht)
Le patatine senza sale sono come i bignè senza crema (cit. Ermello)
Sono anche su Anobii
E su Goodreads

Avatar utente
Éowyn
Olandese Volante
Messaggi: 7995
Iscritto il: mer gen 02, 2008 6:30 pm
Località: Prata di Pordenone
Contatta:

Re: [Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da Éowyn »

lilacwhisper ha scritto:Quindi ora esiste la versione italiana di CoverSpy :think:
Dall'intervista
Ho visitato coverspy, vedo delle sostanziali differenze. Su coverspy il centro sono ancora i libri e non i lettori. Pochissimo spazio è destinato ai lettori, le descrizioni sono molto didascaliche, asettiche, senza anima. Noi facciamo qualcosa di diverso. Per noi il libro è l’input, ma siamo concentrati sul lettore in quanto persona con sentimenti, atteggiamenti e storia. Anche i luoghi sono diversi. Per loro la subway è un posto fra tanti. Noi invece abbiamo scelto i vagoni della metro scientemente perché sono degli spazi portentosi, vere e proprie sale lettura in movimento.
@Nereia: credo che i pregiudizi verso i lettori ci siano ovunque :|
In bc.com sono italianeowyn

Avatar utente
silvietta75
Corsaro Nero
Messaggi: 1105
Iscritto il: mer lug 21, 2004 3:22 pm
Località: Roma / prov. Como
Contatta:

Re: [Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da silvietta75 »

Nereia ha scritto:Chi ha fatto le domande si credeva simpatico forse.
Ha dato molto fastidio anche a me..ok i pregiudizi verso i lettori, ma chi sostiene che Roma è la città PIU' lontana dal concetto di underground culturale inteso come quantità di persone che leggono in metro, evidentemente non ci è mai stato.
My Wishlist
My Anobii
"Siamo tutti libri di sangue: in qualsiasi punto ci aprano, siamo rossi" C.Barker

Avatar utente
liberliber
amministratrice ziaRottenmeier
Messaggi: 20386
Iscritto il: mar ott 22, 2002 11:02 am
Località: Milano
Contatta:

Re: [Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da liberliber »

ma mica che visto che vogliono collaborare con il BC qualcuno gli scrive, a questo blog? :whistle: :wink:
Ho potuto così incontrare persone e diventarne amico e questo è molto della mia fortuna (deLuca)
Amo le persone. E' la gente che non sopporto (Schulz)
Ogni volta che la gente è d'accordo con me provo la sensazione di avere torto (Wilde)
I dream popcorn (M/a)
VERA DONNA (ABSL)
Petulante tecnofila (EM)


NON SPEDITEMI NULLA SENZA AVVISARE!
Meglio mail che mp. Grazie.

Avatar utente
fabiana
Olandese Volante
Messaggi: 2340
Iscritto il: ven dic 19, 2008 12:21 pm
Località: Roma
Contatta:

Re: [Bookwatching] Libri in metro

Messaggio da fabiana »

silvietta75 ha scritto:
Nereia ha scritto:Chi ha fatto le domande si credeva simpatico forse.
Ha dato molto fastidio anche a me..ok i pregiudizi verso i lettori, ma chi sostiene che Roma è la città PIU' lontana dal concetto di underground culturale inteso come quantità di persone che leggono in metro, evidentemente non ci è mai stato.
forse viaggiano solo su auto blu?
FABIANAITALY su BC.com - Wishlist

Rispondi