Wilkie Collins

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2300
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Wilkie Collins

Messaggio da Gahan »

Wilkie Collins è uno scrittore britannico contemporaneo di Dickens ed è considerato uno dei pioneri del genere "detective story".
Sono arrivata a lui perché uno dei suoi romanzi era citato nel libro di D. Shetterfield, La tredicesima storia.

La donna in bianco sembrava avere tutti gli elementi che rendono un libro interessante ai miei occhi e in effetti non ha deluso le aspettative. 750 pagg lette in 15 giorni, uno di quei libri che non riesci a mettere giù nemmeno se è mezzanotte e il giorno dopo devi alzarti per andare al lavoro.
Il libro inizia con un insegnante di disegno londinese che viene assunto presso una famiglia ricca che vive in campagna. La notte prima di iniziare il nuovo impiego, l'uomo incontra una misteriosa donna vestita di bianco che vaga per le vie di Londra. Ben presto scoprirà che la donna è fuggita da un manicomio e che la ragazza cui dovrà insegnare disegno è la sua sosia perfetta. Ne seguono intrighi, suspence, scambi di persona, segreti, tradimenti, delitti ecc. Il tutto raccontato dal punto di vista di più personaggi e con diverse tecniche narrative.
Se devo trovargli un difetto posso dire che forse nel finale l'ha tirata un po' troppo per le lunghe, difetto giustificato dal fatto che la storia è uscita a puntate su una rivista.
Decisamente un bellissimo libro.

Rimasta positivamente colpita, ho deciso di passare a La pietra di luna sempre dello stesso autore.
Mentre La signora in bianco l'ho letto in italiano in una bellissima edizione Fazi, La pietra di luna l'ho letto in inglese in edizione tascabile Penguin scritto piccolissimo, che fatica!!!
La pietra di luna è un diamante indiano di grosse dimensioni, attorno al quale girano diverse leggende e su cui penderebbe pure una maledizione. L'ultimo proprietario lo lascia in eredità alla nipote, la quale non riesce a goderne nemmeno per 24 ore, poiché il diamante misteriosamente scompare. Anche in questo libro, la storia viene narrata da diversi "testimoni" ognuno dei quali dà il proprio contributo per arrivare alla soluzione del mistero. A parte un piccolo rallentamento attorno alla metà, quando il racconto passa a un personaggio decisamente antipatico e insulso, la lettura scorre velocemente pagina dopo pagina.

Vi consiglio entrambi i libri!

Avatar utente
Gahan
Olandese Volante
Messaggi: 2300
Iscritto il: gio lug 26, 2007 11:49 am
Località: Ziano Piacentino

Re: Wilkie Collins

Messaggio da Gahan »

Durante l'estate ho letto anche Senza nome (Edizione Fazi). Scritto dopo La donna in bianco, questo libro racconta la storia di due sorelle rimaste improvvisamente orfane che, a causa di un assurdo cavillo legale, si ritrovano diseredate e senza un soldo. Mentre la maggiore accetta con rassegnazione la sua nuova condizione, la più giovane ordisce un complicato piano per riappropriarsi di ciò che loro spetta. Il piano consiste nell'assumere una falsa identità e farsi sposare dal cugino che ha ereditato tutto, ma il piano fallisce a causa di una diabolica governante. L'intreccio è avvincente e le pagine scorrono velocemente, ma qualcosa nella trama risulta un po' troppo forzato, quindi è il romanzo che mi è piaciuto di meno.
Wilkie Collins ha scritto circa 25 romanzi, ma i 3 che ho letto vengono considerati i migliori dalla critica.

Ultimamente la Newton Compton sta pubblicando diversi titoli nella collana i Mini Mammut.

Rispondi