Non buttiamoci giù, di Nick Hornby (A long way down)

Area dedicata alle recensioni (e conseguenti commenti) nonche' alle richieste di pareri sui libri.
ATTENZIONE: Specificate titolo e autore nell'oggetto, grazie!

Moderatori: aly24j, Therese, Marcello Basie

Rispondi
Avatar utente
cheeky42
Corsaro
Messaggi: 408
Iscritto il: mer ago 10, 2005 3:58 pm
Località: Per ora Milano Marittima, da settembre a Milano (e basta)

Non buttiamoci giù, di Nick Hornby (A long way down)

Messaggio da cheeky42 »


Premessa: non sono brava a fare recensioni, diciamo che vi racconto solo come ho letto io questo libro. Insomma, prime impressioni a caldo.


La notte dell'ultimo dell'anno si incontrano sul terrazzo di un palazzo londinese quattro sconosciuti. Martin è uno showman che, in seguito a uno scandalo sessuale che lo ha visto protagonista insieme a una quindicenne, ha perso reputazione, carriera, moglie, figlie e amici. Maureen è una donna sola, di mezz'età, ingenua, che trascorre la sua vita accudendo il figlio gravemente disabile: le sue uniche uscite mondane coincidono con le messe domenicali. Jess, ventenne sfacciatamente sboccata, è tanto arzigogolata nei suoi ragionamenti quanto capace di mettere chiunque, in un batter d'occhio e in un modo assolutamente chiaro e diretto, di fronte ai nodi irrisolti e alle incoerenze della vita che vive. JJ, americano, mollato dalla band di cui faceva parte e dalla sua ragazza, ridotto a consegnare pizze a domicilio in un paese che non è il suo, ha realizzato da poco che non diventerà mai il musicista famoso che sognava di essere. L'unica cosa che accomuna i quattro è l'idea di lanciarsi proprio quella notte giù dal tetto e farla finita. Dall'incontro, però, scatta qualcosa e i quattro decidono di ascoltarsi e di darsi un'ultima possibilità prima di fare il grande salto. Da qui di scatena tutta una serie di incontri e eventi in cui Martin, Jess, Maureen e JJ si trovano a divenire, contro ogni affinità, una comunità e provano ad essere d'aiuto agli altri. Il punto è che le situazioni sono un po' più complicate di come sembrerebbero e i motivi che spingono qualcuno a tentare il suicidio non si risolvono grazie a un pizzico di buona volontà (tranne nei libri che si legge Maureen!) o a un colpo di fortuna. E quindi? Ovviamente non ci penso neanche a dirvi come finisce....
Il libro è raccontato dalle quattro voci che si alternano e scorre veloce veloce, nonostante le quasi 300 pagine. Anche se il tema lascerebbe supporre altro, è un romanzo che sa far sorridere. E anche un po' commuovere, magari. Perchè - è inutile negarlo - ci speri davvero anche tu fino all'ultimo che le cose cambino, che il colpo di bacchetta magica arrivi (e che cavolo, siamo in un libro o no?), anche se sai che sarebbe un po' posticcio. E per fortuna, con tutti i difetti che si possono riconoscere al povero Hornby, bisogna ammettere lui non è proprio di quelli che alla fine ti risolve tutto con "il cerchio della vita" o i quattro che vedono un fiorellino illuminato da un raggio di sole e capiscono che: sì, la vita dopotutto è proprio bella. Epperò...ma come faccio a parlarne senza dirvi proprio tutto?


Vi lascio una chicca, che continua a farmi sorridere. Dalla voce ingenua di Maureen (che , come dice JJ, "non leggeva delle cose che ne potevamo parlare, capite quello che voglio dire, a meno di metterci a discutere se l'infermiera avrebbe sposato il ricco cattivo o il povero buono"):
"Un paio di mesi fa ho letto un libro della biblioteca su una ragazza che scopre di essere innamorata di suo fratello che aveva perso di vista per tanto tempo. Ma poi naturalmente scopriamo che in realtà non era il suo fratello perduto, le aveva detto questa cosa solo perchè lei gli piaceva. Scopriamo anche che lui non è povero. E' ricchissimo. E come se non bastasse, si scopre anche che il midollo osseo del cane di lui è compatibile con il midollo osseo del cane di lei, che aveva la leucemia, perciò il cane del ragazzo salva il cane della ragazza.
A essere sincera non era così bello come vi può sembrare da come ve l'ho raccontato. Era un po' sdolcinato. " :roll:

«La verità è sempre nuda, basta questo per capire che razza di zoccola è.» Andrea Pazienza

My Wish List

Avatar utente
ai.amano
Corsaro Rosso
Messaggi: 668
Iscritto il: ven lug 30, 2004 1:08 am
Località: como
Contatta:

Messaggio da ai.amano »

la chicca merita davvero! :lol:

ok, lo leggo.
if you're scared to die, you'd better not be scared to live

(eels)

su bc.com sono ai-amano!

CHE CAGNARA!

Immagine
Belfagor: è giovane, è intelligente, è sano, ma è anche grosso e peloso, e nessuno lo vuole adottare...

Avatar utente
liberliber
amministratrice ziaRottenmeier
Messaggi: 20386
Iscritto il: mar ott 22, 2002 11:02 am
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da liberliber »

non vedo l'ora che esca in economica, ma non so se resiterò... :roll:
Ho potuto così incontrare persone e diventarne amico e questo è molto della mia fortuna (deLuca)
Amo le persone. E' la gente che non sopporto (Schulz)
Ogni volta che la gente è d'accordo con me provo la sensazione di avere torto (Wilde)
I dream popcorn (M/a)
VERA DONNA (ABSL)
Petulante tecnofila (EM)


NON SPEDITEMI NULLA SENZA AVVISARE!
Meglio mail che mp. Grazie.

Avatar utente
girosauro
Re del Mare
Messaggi: 1411
Iscritto il: mar mar 14, 2006 11:00 am
Località: Fermo

non buttiamoci giù

Messaggio da girosauro »

antefatto ho già letto tutto di Hornby e lo adoro
fatto questo libro mi ha fatto venire voglia di trasferirmi in UK solo per vivere nella speranza di incontrare Nick diventarci amica e dirgli quanto è stato bello leggere il suo libro, quanto ogni personaggio parli ad una parte di me e la commuova, quanto ogni parola sia divertente e ironica ma sempre diretta a colpire in un punto. Quello che mi piace dei sui libri è l'assoluta mancanza di presunzione, non sono ritratti, non sono psicologie, sono STORIE.
strafatto se qualcuno è amico di Hornby mi dia il suo numero di telefono...
Sai che le persone non possono vivere senza amore? Beh, l'ossigeno è ancora più importante
Dr. House
non sai cosa regalarmi?
la shelf
myspaces
Sono tornataaaaaaa!

Avatar utente
Falbalà
Corsaro Verde
Messaggi: 840
Iscritto il: lun ott 25, 2004 12:09 pm
Località: Robecco S/N
Contatta:

Messaggio da Falbalà »

Premetto che Hornby mi piace sempre e anche questa volta non mi ha deluso. Il libro è delizioso (si usa ancora dire DELIZIOSO? no so, ma così è!), molto godibile soprattutto nella prima parte. Le prime pagine con il racconto dell'incontro quasi surreale dei quattro protagonisti sul tetto del palazzo dei suicidi, è bellissimo. Il ritmo è sempre vivace e poi questa capacità tutta dell'autore di creare i suoi personaggi rendendoli così reali, sfaccettandoli e cesellandoli fino a inventare persone perfettamente credibili, mai totalmente positivi o negativi ma semplicemente NORMALI mi piace sempre.
La povera Maureen mi ha tanto intenerita con la sua ingenuità e il suo carico di sofferenza che però riesce anche a strappare il sorriso, e Jess..... piccola vipera insopportabile Jess!
Come già detto il libro è scritto a quattro voci dai quattro protagonisti che si alternano nel racconto; mi è piaciuto molto il fatto che lo stile di scrittura non sia omogeneo ma cambia a seconda di chi parla/scrive e allora c'è Martin, un po' più colto e con un linguaggio più corretto, Maureen semplice nella vita come nel pensiero e nel racconto, Jess irruente ed irriverente che farcisce tutto con una serie di parolacce e JJ, americano, che in ogni espressione aggiunge la parola CAPO o qualche altro intercalare.

Lo consiglio vivamente perchè è un libro troppo carino :yes!:

Avatar utente
Towandaaa
Olandese Volante
Messaggi: 9248
Iscritto il: mer nov 15, 2006 2:44 pm
Località: Peccioli (Pisa)

Messaggio da Towandaaa »

Mi ha divertita, mi ha fatto ridere e mi ha fatto riflettere. Ho apprezzato molto la tecnica di spartire il racconto fra i quattro personaggi e il loro rivolgersi talvolta direttamente al lettore. Credo che una menzione particolare spetti anche al traduttore per aver reso così fedele alla realtà di un certo slang giovanile il modo di esprimersi di Jess e JJ (verbi sbagliati compresi !).
Senza dubbio un gruppo molto eterogeneo di personaggi: ognuno con una sua storia alle spalle, ognuno con una sua personalità e un suo linguaggio. Tutti però accomunati dal fatto di riuscire comunque a mettersi in discussione e a dare in qualche modo una svolta alla propria vita.
Visto l'argomento, c'era il rischio di scadere nel moralismo e nell'happy ending artificioso oppure, all'opposto, nella farsa vuota di contenuti. Ma così non è stato, a mio giudizio, perchè tra l'ironia, il paradosso e la malinconia che si alternano, la storia si sviluppa agilmente e la lettura scorre in modo molto piacevole.
Così il messaggio secondo cui c'è sempre una speranza, lungi dall'essere espresso in modo troppo manifesto e nel finale (cose che lo avrebbero reso scontato) finisce per trasparire qua e là lungo tutto l'arco della storia attraverso riflessioni semplici (ma non per questo meno significative) come quella di Maureen :"E' proprio così tremendo veder qualcosa con gli occhi contenti ?". E al tempo stesso ne viene in altri punti ridimensionata la portata tramite altre riflessioni di segno opposto, come quella di Jess:"Dirmi che potrei fare tutto quello che voglio è come levare il tappo dalla vasca da bagno e dopo dire all'acqua che può andare dove vuole. Voi provate, e vedrete che succede". Tra queste due considerazioni estreme io collocherei il monito che Hornby fa lanciare a JJ : "Passiamo tutti tanto tempo senza dire cosa vogliamo perchè sappiamo di non poterlo avere .......... Qualunque cosa sia, dilla a te stesso. La verità ti renderà libero".
E il quadro di insieme che ne deriva è veramente ricco di spunti di riflessione, che ogni lettore potrà sviluppare nella direzione che preferisce.
La mia libreria - Lista dei desideri - Towandaaa su aNobii

"Una storia che non conosci
non è mai di seconda mano
è come un viaggio improvvisato
a chilometraggio illimitato"
S. Bersani, Pacifico, F. Guccini - Le storie che non conosci (Io leggo perchè - 23 aprile 2015)

Avatar utente
liberliber
amministratrice ziaRottenmeier
Messaggi: 20386
Iscritto il: mar ott 22, 2002 11:02 am
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da liberliber »

anch'io l'ho molto apprezzato (finalmente è uscito in economica :P subito dopo che me lo son fatto prestare :roll: ), decisamente migliore di Come diventare buoni.
In particolare l'uso del linguaggio nelle 4 voci, come avete detto anche voi, è favoloso, e il finale non banale non mi ha rovinato il libro.
Mi è piaciuto anche il fatto che i personaggi sono a tutto tondo, anche se parteggi per loro non ti nasconde quanto possano anche essere sgradevoli (come tutti :D ).
Ho potuto così incontrare persone e diventarne amico e questo è molto della mia fortuna (deLuca)
Amo le persone. E' la gente che non sopporto (Schulz)
Ogni volta che la gente è d'accordo con me provo la sensazione di avere torto (Wilde)
I dream popcorn (M/a)
VERA DONNA (ABSL)
Petulante tecnofila (EM)


NON SPEDITEMI NULLA SENZA AVVISARE!
Meglio mail che mp. Grazie.

Avatar utente
saturn111
Corsaro Nero
Messaggi: 893
Iscritto il: sab dic 20, 2014 5:22 pm

Re: Non buttiamoci giù, di Nick Hornby (A long way down)

Messaggio da saturn111 »

È stata una lettura molto scorrevole e divertente nonostante il tema del libro sia il suicidio. Non te lo aspetteresti proprio che un libro del genere possa essere così esilarante, leggero, anche molto dissacrante senza però diventare banale o frivolo. I quattro personaggi che raccontano la loro esperienza in prima persona potrebbero sembrare un po' stereotipati; in realtà sono fossilizzati nella loro infelicità e nei loro schemi distruttivi. Incapaci di fare autocritica, ciò che li salva è il confronto con altre persone che stanno vivendo la loro stessa esperienza. Infatti i quattro personaggi, anche se non hanno niente in comune, restano profondamente legati l'uno all'altro. Una cosa che colpisce del libro è la scrittura che, è bene dirlo, è pessima! Fra tutti i più sgrammaticati sono i racconti di Jess, che è anche il personaggio di cui ho apprezzato meno la svolta. In un altro libro, una scrittura così sciatta mi avrebbe molto infastidito. Qui però appare funzionale al tipo di narrazione. I racconti sono fatti in prima persona e il tono è molto colloquiale. Si capisce però che la struttura e la scrittura sono studiate così e tutto funziona molto bene. È stato il primo libro di Hornby che ho letto e mi ha piacevolmente sorpreso.
My bookshelf | My Goodreads :wink:

:yell!: RING: Pyongyang - Guy DelisleRing a sorpresa "on the road"L'amica geniale - Elena Ferrante

I limiti esistono soltanto nell'anima di chi è a corto di sogni

Rispondi